Obesità: Deve essere considerata come una malattia

redazione

Ci sono ancora molte idee sbagliate sull’obesità. Questa è l’opinione di Mariëtte Boon, internista e specialista nel campo del metabolismo dei grassi. Molte persone pensano che l’obesità non è colpa di qualcuno in particolare e di poter lavorare sul loro corpo da soli.

In collaborazione con Over Weight Foundation, Vital10, Obesitas Kliniek Nederland e Goodlife Pharma, la specialista Boon ha condotto un sondaggio tra 6.500 persone. L’89% pensa che l’obesità non sia colpa di quelli che ce l’hanno, ma l’83% crede di poter risolvere da solo, senza necessariamente richiedere cure, farmaci o interventi chirurgici.

Obesita Deve essere considerata come una malattia

Obesità: C’è bisogno di forza di volontà

I risultati del sondaggio sono stati pubblicati in occasione della Giornata mondiale dell’obesità. Un terzo degli intervistati è obeso, un terzo è in sovrappeso e un terzo ha un peso sano.

Un quarto delle persone con un peso sano crede che le persone obese manchino di forza di volontà. Dei 1.700 obesi intervistati, la metà afferma di avere difficoltà a dimagrire a causa della costante tentazione del buon cibo.

Obesità: Deve essere vista come una malattia

Le persone obese vogliono affrontare il loro sovrappeso, ma spesso semplicemente non possono farlo da sole“, continua. “E questo non sorprende. Una volta che qualcuno è obeso, così tanti sistemi del corpo vengono interrotti che perdere peso è molto difficile e non si tratta di ‘metto a dieta‘”.

Boon pensa che sia “giunto il momento” che l’obesità sia vista come una malattia. Anche perché in questo modo si possono prevenire ulteriori malattie come il diabete o le malattie cardiovascolari.

Next Post

La prima camminata di Perseverance su Marte

Il rover da 2,4 miliardi di dollari è pronto per il viaggio di 200 metri. Nei prossimi due anni analizzerà il suolo su Marte e preleverà campioni che un’altra missione raccoglierà e tornerà sulla Terra in futuro. La velocità massima di Perseverance è la stessa della sonda Curiosity: circa 0,14 […]
La prima camminata di Perseverance su Marte