Osservate nuove galassie simili a fuochi d’artificio

redazione

Un gruppo di astronomi dell’Osservatorio europeo meridionale ( ESO ) ha rilasciato nuove osservazioni di galassie vicine. Le immagini delle galassie assomigliano a fuochi d’artificio cosmici multicolori.

Immagini dal Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale (VLT ESO) mostrano i diversi componenti di galassie in diversi colori. Ciò consente agli astronomi di determinare le posizioni delle giovani stelle e del gas che riscaldano nell’ambiente stellare.

Osservate nuove galassie simili a fuochi di artificio

I ricercatori combinano le loro nuove osservazioni con i dati dell’array di antenne ALMA , che l’ESO sta utilizzando in collaborazione.

L’array di antenne ALMA è composto da 66 antenne situate in un’area ad alta quota nelle Ande, 50 km a est di San Pedro de Atacama nel nord del Cile. Questo è uno dei luoghi più aridi del pianeta.

Le antenne sono progettate per ricevere radiazioni con lunghezze d’onda nell’intervallo millimetrico e submillimetrico. Le loro posizioni sono coordinate tra loro in modo da scansionare una determinata area dello spazio come un singolo telescopio. La distanza tra le antenne può variare da 150 metri a 16 chilometri, simile allo “zoom” di una fotocamera. La sensibilità e la risoluzione dell’array di antenne ALMA forniscono una nitidezza dell’immagine dieci volte migliore rispetto al telescopio spaziale Hubble .

Combinando le immagini delle galassie dall’array di antenne ALMA con i propri dati, gli astronomi stanno cercando di trovare un modo per rispondere alla domanda: cosa causa la condensazione del gas nelle stelle? Sanno che le stelle nascono nelle nuvole di gas. Ma quale tipo di fattore innesca il processo di formazione stellare, e quale ruolo gioca la galassia nel suo insieme, rimane un mistero.

Per comprendere meglio questo processo, un team di ricercatori ha effettuato osservazioni di una serie di galassie vicine con potenti telescopi terrestri e spaziali. Sono state scansionate varie regioni delle galassie in cui sono nate le stelle.

Siamo prima riusciti a isolare le singole cellule che formano stelle in una vasta gamma di posizioni e tipi del loro ambiente sul campione, che rappresenta bene i diversi tipi di galassie“, ha detto Eric Emsellem, astronomo dell’ESO, lavorando in Germania nell’ambito del progetto PHANGS “Possiamo osservare direttamente il gas da cui nascono le stelle, vediamo le giovani stelle stesse e anche tracciare la loro evoluzione nelle sue diverse fasi“.

Il progetto PHANGS è dedicato allo studio delle condizioni fisiche nelle galassie vicine con telescopi ad alta risoluzione.

Emsellem e il suo team hanno appena pubblicato la loro ultima serie di scansioni galattiche dal VLT dell’ESO nel deserto di Atacama in Cile. Usando lo strumento Muse , gli astronomi hanno seguito le stelle appena nate e il gas caldo che le circonda. Questo gas è illuminato e riscaldato da giovani stelle e può innescare la nascita di nuove stelle.

Next Post

Metano scoperto su Marte, c'è una fonte

Un team di scienziati ha identificato la possibile posizione di una fonte di metano su Marte. Il rover Curiosity potrebbe essere proprio sopra di esso, come riporta il portale WordsSideKick.com . Dal 2012, Curiosity ha registrato sei volte esplosioni di metano sul Pianeta Rosso. Gli scienziati erano molto interessati a […]
Metano scoperto su Marte una fonte