Uragani: Non sono collegati ai cambiamenti climatici

redazione

I climatologi americani alla ricerca delle ragioni dell’aumento del numero di uragani nell’Atlantico hanno scoperto che il riscaldamento globale non ha nulla a che fare con l’aumento di tali fenomeni.

Sebbene gli ecologisti preferiscano fare riferimento al riscaldamento globale, questa volta si è rivelato non avere nulla a che fare con esso.

Uragani Non sono collegati ai cambiamenti climatici

Gli scienziati dell’Università di Princeton nel corso dello studio hanno scoperto la ragione del forte aumento del numero di uragani al largo delle coste degli Stati Uniti negli ultimi tre decenni. I climatologi suggeriscono che ciò non sia dovuto al riscaldamento globale, ma alle fluttuazioni climatiche a lungo termine che hanno temporaneamente calmato l’Atlantico negli anni 1960-1980. Recentemente, vari disastri meteorologici sono diventati più frequenti nell’oceano: inondazioni, siccità, ondate di calore e uragani.

Gli scienziati dell’Università di Princeton nel corso dello studio hanno scoperto la ragione del forte aumento del numero di uragani al largo delle coste degli Stati Uniti negli ultimi tre decenni.

Negli ultimi 150 anni, la regione atlantica ha vissuto diversi episodi piuttosto lunghi di forte intensificazione e indebolimento delle tempeste, la cui durata è stata di circa 30-35 anni. Nel periodo dal 1900 al 1930 e dal 1960 al 1980, gli uragani si sono verificati abbastanza raramente, e alla fine del XIX secolo e alla metà del secolo scorso, quasi quanto oggi.

Ciò suggerisce che l’aumento dell’attività degli uragani nell’Atlantico è ora associato molto probabilmente a fluttuazioni climatiche a lungo termine.

fonte@Ordonews

Next Post

Osservate nuove galassie simili a fuochi d'artificio

Un gruppo di astronomi dell’Osservatorio europeo meridionale ( ESO ) ha rilasciato nuove osservazioni di galassie vicine. Le immagini delle galassie assomigliano a fuochi d’artificio cosmici multicolori. Immagini dal Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale (VLT ESO) mostrano i diversi componenti di galassie in diversi colori. Ciò consente agli astronomi […]
Osservate nuove galassie simili a fuochi di artificio