Roberto Speranza: basta col doppio incarico
Roberto Speranza: basta col doppio incarico

Roberto Speranza: basta col doppio incaricoPer Roberto Speranza, membro della minoranza del Pd, è ora di dire basta al doppio incarico di Presidente del Consiglio e Segretario del Partito.

E, in effetti, su questo non ha tutti i torti. Nell’ambito di una riflessione complessiva, il Partito Democratico non può non considerare questa ipotesi di separazione che, in qualche misura, era propria anche della cosiddetta prima Repubblica, anche se con eccezioni.

Lo stesso Bettino Craxi, quando era Presidente del Consiglio, si era posto la questione nominando un segretario vicario, e comunque disinteressandosi quasi del tutto del partito.

Così pure erano soliti fare i democristiani, che non facevano quasi mai coincidere l’incarico di segretario del partito con quello di Presidente del Consiglio.

Roberto Speranza, a Corriere Live, così riflette: “Il doppio incarico di segretario e di Premier non fa bene al Pd. Non voglio usare questo argomento contro la leadership: Renzi deve ancora fare la sua valutazione, lo ascolterò. Bisogna cambiare rotta sulle politiche, come la scuola o l’abolizione della tassa sulla prima casa ai miliardari, e riorganizzare un partito che appare sfilacciato. Da segretario, Renzi non l’ha fatto in maniera efficace”.

Se Renzi è intelligente, dà spazio a questa ipotesi della minoranza, che diminuisce il potere di Renzi stesso, ma può essere l’inizio di un ricompattamento del partito.

Giornalista e appassionata del web, condivide la passione della scrittura sia su cartaceo che online. Presidente presso Comunicazione e Territori scarl

You May Also Like

Bertolaso candidato a Roma per il centrodestra

Guido Bertolaso è candidato a Roma per il centrodestra. Alla fine ce…

Adozioni gay, fuoco incrociato dei pediatri sul presidente Corsello

Dopo le dichiarazioni sulle adozioni gay di Giovanni Corsello, scoppia la polemica…

Unioni Civili, il campo di battaglia si sposta alla Camera

La battaglia sulle Unioni Civili si sposta alla Camera. Dopo la difficile…