Salute mentale: Il coronavirus incide molto sulla nostra mente

redazione

Secondo un nuovo studio, un terzo delle persone infette dal coronavirus ha problemi di salute mentale. Gli esperti sono preoccupati che questo avrà un grande impatto a lungo termine sulla salute pubblica.

La ricerca, guidata dall’Università di Oxford, ha esaminato la salute mentale di oltre 230.000 persone sopravvissute all’infezione da coronavirus. Tra i partecipanti, la maggior parte dei quali erano americani, è stato osservato che il tasso di coloro che hanno subito interventi psichiatrici come depressione e ansia nei 6 mesi successivi alla malattia era superiore al 30%.

Salute mentale Il coronavirus incide molto sulla nostra mente

Gli esperti che conducono ricerche basate su 14 diversi disturbi psicologici e psichiatrici affermano che la paralisi, la demenza e altri disturbi neurologici sono rari dopo l’infezione da coronavirus, ma questi problemi comportano seri rischi se valutati su larga scala.

Sebbene i rischi dei disturbi incontrati possano sembrare piccoli da una prospettiva individuale, l’impatto sulla popolazione complessiva può essere significativo“, ha affermato Paul Harrison, psichiatra dell’Università di Oxford, che ha guidato lo studio.

Sempre dall’Università di Oxford, una seconda ricerca ha affermato che la connessione tra l’infezione da coronavirus e i disturbi di salute mentale che ne sono seguiti non può essere determinata esattamente, ma “dovrebbero essere rivelati fattori biologici per prevenire o curare i problemi di salute incontrati“.

In un altro studio condotto dallo stesso team l’anno scorso, si è concluso che il 20% di coloro che si sono ripresi dall’infezione da coronavirus ha sperimentato vari disturbi psichiatrici entro i primi tre mesi dalla malattia.

Secondo i risultati del nuovo studio sulla rivista scientifica Lancet Psychiatry, tra i 236mila 376 pazienti affetti da infezione da coronavirus le cui condizioni di salute sono state esaminate, il 34% aveva problemi neurologici o psichiatrici. Gli esperti sottolineano che questo tasso è molto più basso in coloro che hanno avuto l’influenza o altre malattie respiratorie simili.

Secondo i risultati della ricerca, il 17% di coloro che hanno avuto l’infezione da coronavirus ha riscontrato ansia entro 6 mesi dalla malattia e nel 14% sono stati osservati disturbi dell’umore.

Il 7% di quelli trattati nell’unità di terapia intensiva a causa dell’infezione da coronavirus ha avuto un ictus entro 6 mesi dalla malattia e al 2% è stata diagnosticata la demenza.

Next Post

Dieta mima: Digiuno è davvero salutare?

La dieta mima digiuno ha lo scopo di evocare gli effetti fisiologici del digiuno intermittente, ma a differenza di quest’ultima, richiede di seguire un piano alimentare specifico. Il digiuno intermittente (IF) è diventato sempre più popolare negli ultimi anni. Normalmente il kit pasto preconfezionato di cinque giorni, consentirebbe di sostenere […]
Dieta mima Digiuno davvero salutare