Tumori infantili, in Italia sono in aumento
Tumori infantili in Italia sono in aumento

In Italia i tumori infantili sono in preoccupante aumento a causa dell’inquinamento dell’aria.

Uno dei più grossi problemi del nuovo millennio è senza dubbio quello dell’inquinamento atmosferico. Un problema trascurato per troppo tempo e, come al solito, ci si accorge della gravità solo quando ha prodotto o sta per produrre danni irreparabili.

E intanto molti danni l’inquinamento li ha fatti, eccome. C’è un danno sotto gli occhi ormai di tutti, ed è quello del cosiddetto effetto serra. Si era sempre pensato all’inquinamento dell’aria in termini di problematiche respiratorie e simili, per quel che riguarda la salute dell’uomo; e non si è tenuto in giusta considerazione l’aumento globale medio della temperatura.

Un errore grave, al quale con molta difficoltà stiamo cercando di porre rimedio. Il cosiddetto effetto serra è venuto fuori sempre con maggiore chiarezza proprio a causa delle emissioni di gas nocivi, in primo luogo dell’anidride carbonica. Sembra che ormai non ci siano dubbi sull’incidenza dell’inquinamento atmosferico sulle temperature. Il problema è solo quantitativo: cercare di sapere quanto, in effetti, il surriscaldamento dell’aria sia dovuto proprio ai gas inquinanti emessi soprattutto dalle industrie e dagli scarichi delle automobili e simili.

E’ anche provato che fasi di riscaldamento del pianeta si sono verificate nel corso della vita del nostro pianeta. Tuttavia non abbiamo studi sufficienti sul lungo periodo per capire meglio se e quanto questa fase di aumento delle temperature sia dovuta a un fatto, per così dire, fisiologico. Dall’altra parte, abbiamo raccolto dati sufficienti per capire e stabilire che l’aria inquinata comunque determina, proprio per l’effetto serra di cui parlavamo prima, gli incrementi delle temperature stesse.

Se solo diamo un’occhiata alla televisione e ci capita di guardare quello che succede in certe città della Cina, capiamo che qualcosa di profondo deve cambiare: gente che cammina o addirittura fa footing nei parchi con la mascherina antismog. Per un verso è ridicolo, per l’altro è semplicemente inquietante. La diminuzione delle emissioni nocive è l’obiettivo che l’intera comunità internazionale si è posta negli ultimi decenni. Speriamo si raggiungano presto i risultati sperati.

Anche perché, e questa è l’altra faccia del problema, c’è anche la questione salute in senso più stretto e immediato. In un recente convegno alla Camera dei Deputati, si è costatato che nelle zone più inquinate aumentano le malattie oncologiche, e contemporaneamente sale l’incidenza fra i più giovani. Si potrebbe dire che nel nostro Paese c’è un’emergenza inquinamento e un’emergenza tumori al contempo.

Nel convegno Emergenza cancro, fattori ambientali modificabili e stili di vita non corretti, si è parlato proprio di questi argomenti. A organizzare il convegno è stata la Società Italiana di Medicina Ambientale in collaborazione con Confassociazioni Ambiente. I dati sono preoccupanti. Due anni fa il Ministero della Salute aveva elaborato una mappa con le zone più a rischio presenti in Italia.

In queste aree c’è stato un incremento delle malattie oncologiche fino al 90% in solo 10 anni. I tumori più diffusi sono il cancro alla mammella, il tumore alla tiroide, e il mesotelioma: tutte patologie legate in particolar modo alla presenza di diossina, amianto, petrolio, policlorobifenili, mercurio. Purtroppo, altro dato molto preoccupante è che queste patologie tumorali dovute all’inquinamento colpiscono soprattutto i più piccoli.

Per porre riparo al problema, a detta degli scienziati, si deve agire in fretta e su più fronti. Ernesto Burgio, dell’European Cancer and Environment Research Insistute, afferma: “Generalmente si pensa al cancro come a una malattia della terza età e si sostiene che il trend continuo di incremento di tumori nel corso del XX secolo in tutti i Paesi industrializzati possa essere spiegato mediante la teoria dell’accumulo progressivo di lesioni genetiche stocastiche e il miglioramento continuo delle nostre capacità diagnostiche”.

“In genere si afferma che i tumori infantili sono una patologia rara. È opportuno però ricordare come, in termini assoluti, uno su 5-600 nuovi nati si ammalerà di cancro prima del compimento del quindicesimo anno d’età; come, nonostante i significativi miglioramenti prognostici degli ultimi decenni, il cancro rappresenti la prima causa di morte per malattia nei bambini che hanno superato l’anno d’età; come anche in questa fascia d’età, a partire dagli anni 1980-90, si sia assistito a un aumento significativo della patologia tumorale”.

You May Also Like

Etichette obbligatorie anche per il pomodoro: l’importanza di leggerle sempre

Probabilmente in tanti non ci faranno neppure caso, ma dai giorni scorsi…

Facebook, anche gli annunci di lavoro sul social di Mark

Mark Zuckerberg espande la sua “visione” di social aprendo anche al mondo…

Unioni Civili, il decreto in aula entro aprile

Il ddl sulle Unioni Civili arriverà in aula entro aprile. La relatrice della…