Una dieta sana è utile contro il Parkinson

redazione

Un nuovo studio rivela che seguire una dieta sana in particolar modo nella mezza età, può essere correlato ad avere meno dei sintomi che precedono l’insorgenza del Parkinson fino a 10 anni, principalmente sintomi non motori come costipazione, sonnolenza diurna e depressione, come pubblicato in la sua edizione online Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

Sebbene questo studio non mostri causa ed effetto, fornisce certamente un motivo in più per includere più verdure, noci e legumi nella dieta“, afferma l’autore dello studio Samantha Molsberry, dell’Università di Harvard, negli Stati Uniti. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se una dieta sana potrebbe ritardare o addirittura prevenire lo sviluppo della malattia di Parkinson tra le persone che hanno già questi sintomi precedenti.

Una dieta sana utile contro il Parkinson

Lo studio ha coinvolto 47.679 persone a cui è stato chiesto della loro dieta ogni quattro anni a partire dagli anni ’80, quando erano di mezza età. Poi, nel 2012, alle persone è stato chiesto se avevano due condizioni comuni nelle persone a cui viene successivamente diagnosticata la malattia di Parkinson: costipazione e un disturbo del sonno chiamato Disturbo comportamentale del sonno da movimento rapido degli occhi.

Nel 2014-2015, a 17.400 partecipanti è stato chiesto circa altri cinque sintomi che potrebbero precedere il morbo di Parkinson: perdita dell’olfatto, visione dei colori alterata, eccessiva sonnolenza diurna, dolore fisico e depressione.

I ricercatori hanno esaminato la misura in cui le diete delle persone seguivano la dieta mediterranea alternativa, che è simile alla dieta mediterranea ma include solo cereali integrali e non considera i latticini, o l’indice di alimentazione sana alternativa. Entrambe le diete incoraggiano il consumo di frutta, verdura, cereali integrali, noci e legumi e scoraggiano il consumo di carne rossa. Hanno diviso i partecipanti in cinque gruppi in base a quanto seguivano da vicino le diete.

Lo studio ha scoperto che le persone con la più alta aderenza alle diete avevano meno probabilità di avere tre o più sintomi che precedono la malattia di Parkinson rispetto a quelle con la minore aderenza.

Quelli del gruppo con alta aderenza alla dieta mediterranea avevano il 33% di probabilità in meno di avere tre o più sintomi rispetto a quelli del gruppo con bassa aderenza. Questi risultati sono stati trovati dopo che i ricercatori si sono adeguati ad altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di sviluppare questi primi sintomi, come l’attività fisica, il fumo e l’indice di massa corporea (BMI).

I ricercatori hanno trovato una relazione altrettanto forte tra seguire il modello dietetico dell’Indice di Alimentazione Sana Alternativa e avere tre o più di questi sintomi non motori.

Tra le 29.899 donne nello studio, il 37% del gruppo a bassa aderenza aveva costipazione, rispetto al 32% del gruppo ad alta aderenza. Tra le 11.493 donne con tutti i sintomi non motori misurati, il 15% del gruppo basso aveva dolore corporeo, rispetto al 13% del gruppo alto.

Nelle stesse 11.493 donne, il 17% del gruppo basso presentava sintomi di depressione, rispetto al 14% del gruppo alto. Tra i 17.770 uomini nello studio, il 22% del gruppo a bassa aderenza aveva costipazione, rispetto al 12% del gruppo ad alta aderenza.

Tra i 5.907 uomini con dati su tutti i sintomi non motori, il 14% del gruppo basso e il 16% aveva dolore fisico e il 13% del gruppo basso e il 12% del gruppo alto presentava sintomi di depressione. Molsberry osserva che il dolore fisico e la depressione potrebbero essersi verificati a un tasso più elevato nello studio rispetto alla popolazione generale a causa del disegno dello studio.

Osservando i singoli gruppi di alimenti, i ricercatori hanno scoperto che mangiare più verdure, noci, legumi e consumare una quantità moderata di alcol era associato a un minor rischio di avere tre o più dei sintomi sopra indicati. Il consumo moderato di alcol è stato considerato non più di un drink al giorno per le donne e non più di due drink al giorno per gli uomini.

Next Post

Covid-19, i sintomi sono più lunghi nelle donne

L’Istituto Superiore della Sanità (ISS) affiliato al Ministero della Salute, che raccoglie i dati sul coronavirus in tutto il Paese, ha esaminato a lungo le informazioni finora ottenute sul Covid. L’istituzione ha annunciato i risultati di questa ricerca con una dichiarazione dal titolo “Covid Lungo: le donne sembrano essere più colpite“. […]
Covid-19 i sintomi sono piu lunghi nelle donne