Arriva il computer che scrive romanziArriva anche il computer che scrive romanzi.

Adesso che i libri li scrivono tutti, ma proprio tutti, non poteva mancare una macchina che provava a scriverli.

Prima la macchina si limitava a sfidare l’uomo a scacchi, a scrivere qualche articolo giornalistico.

Adesso fa il grande salto di qualità, si proietta nel territorio del pensiero puro, territorio umano per eccellenza.

L’intelligenza artificiale prova a emulare il cervello umano nella fase della creatività, non solo della replica.

Si tratta di un computer arrivato dal Giappone, per la precisione dalla Future University Hakodate.

E sentite cosa i ricercatori dell’università hanno mandato al concorso letterario Nikkei Hoshi Shinichi:

“Mi contorcevo di gioia, che ho sperimentato per la prima volta, e ho continuato a scrivere per l’eccitazione. Il giorno in cui un computer ha scritto un romanzo. Il computer, mettendo la priorità sulla ricerca della propria gioia, ha smesso di funzionare per l’uomo”.

Si tratta dell’incipit del parto letterario del proprio computer, che ha superato le selezioni iniziali del concorso.

In realtà fino a adesso sono stati presentati quasi 1.500 romanzi, dei quali solo 11 di natura robotica. Ma fra questi solo il lavoro della Future University è stato scelto.