Covid-19: Il vaccino simbolo del nazionalismo

redazione

I paesi ricchi hanno accumulato scorte di vaccini mentre 130 paesi non hanno ancora somministrato una singola dose di vaccino. Perché non possono riceverlo.

La debole cooperazione tra i paesi rappresenta un grosso ostacolo per il mondo intero nel porre fine alla pandemia. Inoltre , si sottolinea ogni volta che l’uguaglianza dei vaccini proteggerà le persone in tutto il mondo e aiuterà le società a far fronte alla pandemia di Covid-19.

Covid-19 Il vaccino simbolo del nazionalismo

I paesi ricchi, che attualmente costituiscono il 16% della popolazione mondiale, hanno acquistato il 60% del vaccino prodotto. La maggior parte di questi paesi prevede di vaccinare il 70% della popolazione adulta entro la metà dell’anno per creare l’immunità di gregge. Tuttavia, il piano COVAX, creato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per garantire che i vaccini raggiungano tutte le persone , ha problemi ad acquistare anche abbastanza dosi per vaccinare il 20% della popolazione dei paesi a basso reddito.

Il nazionalismo vaccinale non solo è moralmente inaccettabile, ma può anche portare con sé problemi epidemiologici. Raggiungere l’obiettivo di fermare la pandemia con l’immunità di gregge può essere un sogno. La disponibilità limitata di vaccini o l’eccessiva domanda possono influenzare negativamente il corso dell’epidemia a questo punto.

Mentre i vaccini erano ancora in fase di sperimentazione e prima ancora che fosse ottenuta l’approvazione, alcuni paesi ricchi avevano accordi di prelazione con i produttori di vaccini per garantire ai propri cittadini l’accesso al vaccino. Nel nostro mondo in cui vivono circa 8 miliardi di persone, c’è la preoccupazione che i vaccini prodotti a causa di tali accordi diventino inaccessibili al di fuori dei paesi ricchi.

L’OMS ha anche avvertito che il nazionalismo dei vaccini potrebbe aggravare la pandemia. Negli ultimi mesi, Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, ha affermato che è nell’interesse di ogni paese condividere equamente la dose limitata di vaccino. Successivamente, il piano COVAX è stato creato dall’OMS per distribuire i vaccini in modo uniforme tra i paesi ricchi e poveri . Nell’ambito di COVAX, si mira a distribuire almeno 2 miliardi di dosi di vaccino nei paesi a basso e medio reddito entro la metà del prossimo anno.

Nel suo articolo pubblicato su Foreign Policy, Ghebreyesus sottolinea che il fatto che la maggior parte della popolazione mondiale non sia vaccinata può non solo rimanere con la continuità di malattie e morti, ma può anche portare alla formazione di nuove mutazioni virali. Inoltre, secondo Ghebreyesus, la diffusione incontrollata può portare ad aumenti improvvisi dei casi provocando la formazione di varianti più infettive. Ciò significa una trasmissione più rapida, più persone vengono infettate e muoiono.

Nel suo articolo, Ghebreyesus osserva che ciò che è ancora più fastidioso è la possibilità che nuove mutazioni siano resistenti ai vaccini. Perché stanno già emergendo prove che i vaccini sono meno efficaci contro le varianti brasiliane e sudafricane. I vaccini si basano sulla versione originale del virus, ma i nuovi virus sono in continua evoluzione. Queste nuove varianti possono essere trasmesse anche a persone che sono sopravvissute al virus originale. Allo stesso tempo, è probabile che il virus diventi più letale e anche un leggero aumento della letalità può avere un effetto disastroso.

L’aumento del nazionalismo dei vaccini sta avendo un impatto negativo sia socialmente che economicamente. Ghebreyesus ritiene che, se ciò dovesse accadere, le comunità vulnerabili e non vaccinate potrebbero continuare a soffrire degli effetti secondari dell’epidemia. Osserva inoltre che le continue restrizioni potrebbero anche portare a un collasso economico, in modo che più persone cadano in povertà e i tassi di morte potrebbero aumentare.

Secondo uno studio della Camera di commercio internazionale, ignorare i poveri mentre tutti i cittadini dei paesi ricchi vengono vaccinati può comportare una perdita di 4,5 trilioni di dollari nelle attività economiche dei paesi ricchi.

Sebbene il nazionalismo dei vaccini sia contrario ai principi di salute pubblica globale, non esiste alcuna disposizione nel diritto internazionale che impedisca gli accordi di prelazione.

Next Post

Bruce Springsteen e Obama insieme in un podcast su Spotify

L’ex presidente degli Stati Uniti e la leggenda del rock americano hanno scoperto di condividere una sensibilità che può essere vissuta in un podcast fatto da entrambi. L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e la leggenda della musica rock Bruce Springsteen, hanno presentato in anteprima un nuovo podcast sulla […]
Bruce Springsteen e Obama insieme in un podcast su Spotify