Guerriglia al Brennero, fermato un militante di BolognaGuerriglia al Brennero, fermato un militante di Bologna.

Subito dopo il confine Italia-Austria, ci si imbatte in un corposo schieramento di forze dell’ordine austriache in atteggiamento antisommossa, che non permettono il libero passaggio.

Da una parte circa trecento manifestanti, dall’altra quattrocento tutori dell’ordine che fanno da scudo umano. Le notizie sono state confermate dalle autorità locali tirolesi.

Durante la manifestazione è stato arrestato Gianmarco De Pieri, militante del Tpo. Portato in Caserma, è stato interrogato dalle autorità austriache, ma poco dopo è stato rilasciato.

I manifestanti gridavano slogan tipo via via la polizia e, sembra, hanno aggredito la polizia stessa con degli ombrelli. Forse perché pioveva, chissà.

Molti turisti tedeschi che si trovavano a passare da quelle parti, hanno seguito la manifestazione con curiosità, e per la verità senza eccessiva apprensione.

Il deputato Sel Fratoianni ha ringraziato la Farnesina per il pronto intervento per il rilascio di Gianmarco De Pieri. Il quale, riferiscono fonti credibili, è tutto fuorché un violento.

Ma il problema delle barriere al Brennero anti-immigrati permane in tutta la sua drammaticità. D’altro canto, se queste dovessero risultare incompatibili con la normativa europea, come, in effetti, pare che sia, devono essere immediatamente rimosse.