Hacker russi rubano dati sui vaccini coronavirus

redazione

Hacker russi e cinesi avrebbero rubato dati legati ai vaccini contro il coronavirus.

Hacker russi rubano dati sui vaccini coronavirus

Hacker russi e cinesi si sono infiltrati nella rete dell’Agenzia europea per i medicinali, sequestrando dati sui vaccini contro il coronavirus.

Molti paesi stanno conducendo studi di vaccinazione per il coronavirus, che colpisce il mondo intero. Tuttavia, gli aggressori informatici stanno cercando in qualche modo di raccogliere dati da questi studi.

Ultimamente era già stata pubblicata la notizia che gli hacker con sede in Corea del Nord stavano cercando di infiltrarsi nei sistemi della società farmaceutica britannica AstraZeneca e BioNTech-Pfizer, che sviluppa un vaccino contro il coronavirus.

Ora ci sono hacker russi e cinesi sulla scena. Gli hacker russi e cinesi sono arrivati ​​dopo l’attacco all’Agenzia europea per i medicinali (EMA) alla fine dello scorso anno.

Si afferma che gli hacker abbiano inviato e-mail contenenti malware a diversi dipendenti EMA e si siano quindi infiltrati nelle reti interne dell’organizzazione. Gli hacker che si sono infiltrati nel sistema per circa un mese hanno raccolto molte informazioni sulla strategia di vaccinazione nei paesi europei.

Gli hacker avrebbero rubato dati sul vaccino Pfizer-Biontech

Si afferma che gli hacker russi e cinesi hanno rubato documenti relativi al vaccino Pfizer-BioNTech .

Si dice che le informazioni in questione siano state utilizzate in una campagna di disinformazione lanciata per minare l’affidabilità dei vaccini occidentali e per rendere più competitivo il vaccino russo Sputnik V.

Attualmente, molti paesi non fanno molto affidamento sul vaccino Sputnik V dei russi. Per questo motivo, è tra le informazioni che l’amministrazione Putin ha condotto un’attiva campagna di propaganda per aumentare la fiducia nel vaccino Sputnik V.

fonte@ensonhaber.com

Next Post

Polline e cambiamenti climatici aumentano rischio coronavirus

I cambiamenti climatici ed il polline sono terreno fertile per le infezioni da coronavirus. Maggiore è la quantità di polline nell’aria, maggiore è il numero di infezioni da coronavirus. Questa è la conclusione raggiunta da un team di ricercatori del Leiden University Medical Center (LUMC), dell’ospedale Elkerliek di Helmond e […]
Polline e cambiamenti climatici aumentano rischio coronavirus