Il discorso di Obama prima dell’addio

Il discorso di Obama prima dell'addioBarak Obama ha tenuto il proprio ultimo discorso davanti alla nazione americana prima dell’addio.

Sono passati sette anni, e il Presidente, un grande Presidente, ha tracciato un bilancio, anche se non definitivo, dei propri due mandati.

Un bilancio tutt’altro che definitivo, sul futuro degli Stati Uniti. Come si conviene a chi è solito guardare avanti, e non solo indietro.

Così, fra critiche infondate, detrattori, pessimisti e catastrofisti vari, il Presidente ha inteso parlare di politica economica, confermando la solidità degli States come prima e incontrastata potenza mondiale.

Soprattutto ha sottolineato gli ottimi risultati nel campo dell’occupazione, laddove il tasso di disoccupazione è tornato al 5%, cioè un dato fisiologico. Vale a dire “chi vuol lavorare lavora, chi non vuole non lavora”.

In Italia è dal dopoguerra che ci proviamo. Poi Obama ha parlato degli investimenti necessari sull’istruzione e sulla ricerca, con un occhio particolare alla riforma del sistema universitario.

E soprattutto ha parlato di politiche energetiche lungimiranti, di riscaldamento globale, problema nei confronti del quale è nota l’insensibilità dei Repubblicani.

Il punto debole? Forse la politica internazionale. Ma può un Presidente, anche se degli Stati Uniti, prevedere o evitare fenomeni come il terrorismo internazionale e l’Isis?

Non crediamo, ci basta sapere che, contrariamente ai suoi predecessori, Barak Obama non ha dichiarato né fomentato nessuna guerra nel mondo. Il che non è poco.

Eleonora Gitto

Giornalista e appassionata del web, condivide la passione della scrittura sia su cartaceo che online.