Il Pd discute delle primarie per i minisindaci

Il Pd discute delle primarie per i minisindaciIl Partito Democratico discute delle primarie per i minisindaci, e lo fa in maniera accesa.

Il Pd sta provando a mettersi d’accordo a Roma sulla indicazione dei Presidenti di Municipio, ovvero i minisindaci.

Ma sembra che ci siano due correnti contrarie, l’un contro l’altra armata. L’una fa capo all’attuale Commissario Romano, Matteo Orfini, l’altra è rappresentata da una cordata di maggiorenti del Pd romano, di cui si fanno portavoce il Capogruppo Pd alla Regione Lazio Massimiliano Valeriani e il Vicepresidente dello stesso Consiglio Regionale, Mario Ciarla.

Per i due la posizione è di non disputare le elezioni primarie, ma di riconfermare in linea generale i Presidenti uscenti.

Sulla stessa line il deputato Marco Miccoli, il quale dice che se il giudizio sull’operato dei minisindaci è positivo, non vede motivo per metterli in discussione.

Non è dello stesso parere il renziano Matteo Orfini, il quale ricorda a tutti che il Pd ha statuto e regole conseguenti che normano questi passaggi, ed è stato un errore non potere o non volere applicare queste regole.

E su questo forse non ha tutti i torti. Se le regole esistono, vanno rispettate, e se le regole dicono che vanno fatte le primarie, le motivazioni contrarie non hanno granché senso.

Eleonora Gitto

Giornalista e appassionata del web, condivide la passione della scrittura sia su cartaceo che online.