Il Pd discute delle primarie per i minisindaci

Eleonora Gitto

Il Pd discute delle primarie per i minisindaciIl Partito Democratico discute delle primarie per i minisindaci, e lo fa in maniera accesa.

Il Pd sta provando a mettersi d’accordo a Roma sulla indicazione dei Presidenti di Municipio, ovvero i minisindaci.

Ma sembra che ci siano due correnti contrarie, l’un contro l’altra armata. L’una fa capo all’attuale Commissario Romano, Matteo Orfini, l’altra è rappresentata da una cordata di maggiorenti del Pd romano, di cui si fanno portavoce il Capogruppo Pd alla Regione Lazio Massimiliano Valeriani e il Vicepresidente dello stesso Consiglio Regionale, Mario Ciarla.

Per i due la posizione è di non disputare le elezioni primarie, ma di riconfermare in linea generale i Presidenti uscenti.

Sulla stessa line il deputato Marco Miccoli, il quale dice che se il giudizio sull’operato dei minisindaci è positivo, non vede motivo per metterli in discussione.

Non è dello stesso parere il renziano Matteo Orfini, il quale ricorda a tutti che il Pd ha statuto e regole conseguenti che normano questi passaggi, ed è stato un errore non potere o non volere applicare queste regole.

E su questo forse non ha tutti i torti. Se le regole esistono, vanno rispettate, e se le regole dicono che vanno fatte le primarie, le motivazioni contrarie non hanno granché senso.

Next Post

Unioni Civili, per la UE l’Italia elimina solo le discriminazioni

Per la UE con il Ddl Cirinnà “l’Italia sta semplicemente eliminando la discriminazione basata sull’orientamento sessuale”. Il commissario Nils Muiznieks del Consiglio d’Europa ci tiene a puntualizzare, e fa bene, che l’Italia con la legge sulle Unioni Civili non fa altro che abolire un’ingiustizia sociale. Non c’è nessun diritto, dunque, che […]
Unioni Civili, per la UE l’Italia elimina solo le discriminazioni