Instagram sotto accusa per foto e video pornografici
Instagram sotto accusa per foto e video pornografici

Instagram sotto accusa per foto e video pornograficiInstagram sotto accusa per foto e video pornografici.

Secondo un blogger, Jed Ismael, c’è un’abbondante presenza di materiale pornografico dentro Instagram. Questi contenuti, ovviamente, non sono permessi, tuttavia evidentemente c’è un modo per aggirare questi divieti.

Il segreto sta nel cercare, dentro l’applicazione, il termine film nella lingua araba. Ci si imbatte così direttamente in immagini molto esplicite, senza che vi siano avvertimenti o warning su instagram.

Il blogger stima che i contenuti a carattere pornografico siano circa un milione. Peraltro, Ismael afferma che la lunghezza dei video incriminati è solitamente molto breve, tuttavia questi sono visibili da chiunque, compresi bambini e adolescenti.

Con tutta probabilità ora la compagnia prenderà provvedimenti, innanzitutto oscurando i contenuti a carattere esplicito presenti, ancorché occultati.

Successivamente, inibendo la possibilità di inserire ulteriore materiale pornografico.Per la Community comunque le regole, anche se disapplicate, sono già molto precise e stringenti.

In particolare, una di queste dice che è proibito pubblicare sui servizi, foto o altri contenuti violenti, con nudità totali o parziali, discriminatori, illegali, illeciti, contenenti messaggi di odio, pornografici o con allusioni sessuali esplicite.

E così sia, ora bisogna solo applicarle meglio, queste regole.

Giornalista e appassionata del web, condivide la passione della scrittura sia su cartaceo che online. Presidente presso Comunicazione e Territori scarl

You May Also Like

Google Fiber Phone, Big G resuscita la linea fissa

Google Fiber, Big G si inventa Phone e resuscita la linea fissa.…

Astronomia: il lampo radio, questo sconosciuto

Nel campo dell’astronomia il lampo radio è un quasi perfetto sconosciuto. Un…

India, obbligo tasto anti-stupro su smartphone

In india il tasto anti-stupro sul cellulare diventa obbligatorio. Da gennaio 2017…