Ipertensione influisce sulla demenza senile

redazione

I ricercatori hanno scoperto che l’ipertensione nella fascia d’età tra i 40 e i 50, influisce in modo significativo sul cervello in età avanzata. 

Uno studio basato su scansioni cerebrali di 37.000 persone rivela che l’aumento della pressione sanguigna nella mezza età – anche a livelli che normalmente non richiederebbero un trattamento farmacologico – porta a danni estesi alla “materia bianca” del cervello.

Questo può portare a demenza, ictus, disabilità fisiche e depressione in età avanzata.

In modo allarmante, i ricercatori dell’Università di Oxford hanno scoperto che anche piccoli aumenti della pressione sanguigna – a livelli che normalmente non sarebbero considerati un problema – possono fare una grande differenza per il cervello.

La pressione sanguigna è espressa come due numeri, sistolica – il numero superiore – e diastolica – quello inferiore.

Attualmente le persone in linea di massima sono considerate ipertensive se la pressione sanguigna è superiore a 140/90.

Ipertensione influisce sulla demenza senile

I ricercatori hanno scoperto che per ogni aumento di 10 punti della pressione sanguigna sistolica al di sopra di questo livello, il danno alla sostanza bianca è aumentato di circa il 13%.

E per ogni aumento di 5 punti della pressione diastolica, il danno è aumentato dell’11%.

E gli scienziati hanno anche trovato alcune prove di danni alla pressione sanguigna più bassa, con alcune persone che mostrano danni cerebrali a livelli sistolici superiori a 120 e livelli diastolici superiori a 70.

I risultati, pubblicati sull’European Heart Journal, provengono da uno studio su 37.041 partecipanti di età compresa tra 40 e 69 anni, iscritti al progetto UK Biobank.

I ricercatori hanno esaminato le scansioni cerebrali MRI per cercare “iperintensità della sostanza bianca“, segni di danni ai piccoli vasi sanguigni nel cervello.

Questo danno è legato a gravi problemi nella vecchiaia, compreso il declino generale delle capacità di pensiero e lo sviluppo di demenza e problemi di salute mentale.

Tra il 10% delle persone con il maggior danno cerebrale, il 24% di questo danno potrebbe essere attribuito ad avere una pressione sanguigna sistolica superiore a 120 e il 7% potrebbe essere attribuito ad avere una pressione sanguigna diastolica superiore a 70.

Il dottor Wartolowska ha dichiarato: “Abbiamo fatto due importanti scoperte. In primo luogo, lo studio ha dimostrato che la pressione sanguigna diastolica nelle persone di 40 e 50 anni è associata a danni cerebrali più estesi anni dopo“.

Ciò significa che non è solo la pressione sanguigna sistolica, il primo numero più alto, ma la pressione sanguigna diastolica, il secondo numero più basso, che è importante per prevenire danni al tessuto cerebrale“.

Molte persone possono pensare all’ipertensione e all’ictus come malattie delle persone anziane, ma i nostri risultati suggeriscono che se volessimo mantenere un cervello sano fino ai 60 e 70 anni, potremmo dover assicurarci che la nostra pressione sanguigna, compreso il sangue diastolico pressione, rimane entro un intervallo sano quando abbiamo tra i 40 e 50 anni.

Next Post

Bitcoin si stabilizza sui 18mila dollari

Il prezzo del Bitcoin ha raggiunto il massimo degli ultimi due anni oltre i 19mila dollari ed è sceso sotto i 17.000 più di una volta nell’arco di una settimana mentre le difficoltà di mining continuano a salire. Secondo il fornitore di analisi on-chain Glassnode, la difficoltà di mining di Bitcoin ( BTC ) […]
Bitcoin si stabilizza sui 18mila dollari