Kabul: Esercito americano danneggia i sistemi di difesa

Kabul Esercito americano danneggia i sistemi di difesa

Prima di ritirarsi dall’aeroporto di Kabul, l’esercito americano ha annunciato di aver danneggiato aerei, mezzi corazzati e un sistema di difesa antimissilistico.

Il comandante del comando centrale degli Stati Uniti, il generale Kenneth McKenzie, ha dichiarato durante una conferenza stampa che le sue forze hanno “disarmato” questi materiali, il che significa che sono stati danneggiati e resi nuovamente inutilizzabili.

Kabul Esercito americano danneggia i sistemi di difesa

Il generale McKenzie, che segue l’Afghanistan nell’ambito delle operazioni del suo comando, ha aggiunto che l’attrezzatura disattivata comprendeva 73 velivoli, sottolineando che “questi velivoli non voleranno più“.

Ha aggiunto: “Nessuno sarà in grado di usarli“, osservando che “la maggior parte di loro erano originariamente fuori servizio, ma è certo che non potranno più volare“.

Il generale McKenzie ha spiegato che l’esercito americano, che ha schierato 6.000 soldati per controllare e gestire l’aeroporto di Kabul dal 14 agosto al fine di garantire un ponte aereo per l’evacuazione di decine di migliaia di cittadini americani, stranieri e richiedenti asilo afghani.

McKenzie ha affermato che tutti questi meccanismi sono stati messi fuori servizio, quindi “nessuno sarà in grado di usarli di nuovo“.

Ha aggiunto che l’esercito americano ha anche lasciato dietro di sé un sistema di difesa missilistico C-RAM che aveva installato per proteggere l’aeroporto di Kabul, un sistema che ha intercettato ieri cinque attacchi missilistici lanciati dall’ISIS sull’aeroporto, osservando che la difficoltà di smantellarlo alla fine ha reso necessario il suo distruzione.

“Abbiamo scelto di lasciare questi sistemi in servizio fino all’ultimo minuto”, ha detto il generale McKenzie, prima che l’ultimo aereo decollasse dall’aeroporto di Kabul.

fonte@AFP