Le statine: risultati inconcludenti per Alzheimer e cancro
Le statine risultati inconcludenti per Alzheimer e cancro

Le statine presentano benefici inconcludenti per altre condizioni non legate a problemi cardiaci

Le medicine comunemente prescritte per ridurre il rischio di avere un attacco di cuore potrebbero avere un utilizzo limitato per il trattamento di altre malattie, come suggerito da una recente analisi che ingloba centinaia di studi scientifici, come riporta irishexaminer.

Le statine sono una classe di farmaci prescritti per abbassare il colesterolo nel sangue. Spesso somministrate alle persone anziane, possono aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache e ictus.

Precedenti studi hanno suggerito che i farmaci potrebbero anche aiutare le persone con condizioni non correlate al cuore, come il cancro, la demenza e le malattie renali.

Un team di esperti guidato dall’Università di Edimburgo ha trovato “segni positivi” che potrebbero portare beneficio alle persone con determinate condizioni, ma hanno detto che i risultati sono stati in definitiva inconcludenti.

I ricercatori hanno concluso che al momento non vi sono prove sufficienti per sostenere un cambiamento nell’orientamento per il modo in cui sono prescritti i farmaci.

Gli scienziati hanno analizzato i risultati di 256 studi sui benefici dell’assunzione di statine per 278 condizioni non patologiche.

Hanno scoperto che le statine possono aiutare a prevenire le morti per malattie renali, una cosa già riconosciuta nelle linee guida cliniche.

Gli esperti hanno anche trovato prove del fatto che le statine possono aiutare a rallentare la progressione del cancro, ma che secondo loro sono richieste ulteriori indagini.

Tuttavia, è stato confermato che i dati sono insufficienti per dire se le statine possono essere di beneficio ai pazienti con BPCO polmonare cronica.

Inoltre, non hanno identificato alcun legame positivo o negativo tra le statine e il rischio di Alzheimer e demenza.

È stato rilevato un modesto aumento del diabete tra le persone trattate con statine, ma gli esperti hanno affermato che le prove non sono sufficienti per giustificare il rilascio dei farmaci.

Il dott. Evropi Theodoratou, che ha guidato la ricerca presso l’Usher Institute dell’università, ha dichiarato: “Il ruolo delle statine nel ridurre il rischio di malattie cardiache è ben consolidato.

La prova che i farmaci offrono benefici per condizioni di malattie non cardiache è tuttavia meno chiara. Abbiamo trovato prove attuali che supportano in modo credibile un legame favorevole solo per alcune malattie “.

Ha aggiunto che l’assenza di effetti collaterali dannosi associati all’assunzione di statine era “rassicurante“.

I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Italiaglobale a firma della redazione.

You May Also Like

Stare troppo seduti influenza il nostro cervello

Forse è il caso di abbandonare la sedia della nostra scrivania, forse un…

Cassius Clay, il mondo perde The greatest

The greatest se n’è andato; addio a Muhammad Ali , l’immenso Cassius…