L’Italia purtroppo continua a non crescere
Italia purtroppo continua a non crescere

Il governo del cambiamento, quello fondato sul contratto di governo siglato da Lega e 5Stelle,è ormai al governo da oltre un anno, ben più tempo di quanto anche i più fiduciosi gli avrebbero accordato. Ma questo è veramente un bene?


Se è indubbio che importanti riforme sono state fatte ed altre sono al vaglio, in attesa di essere votate per poi diventare leggi, sono importanti anche i risultati?

Se la risposta è sì, dando un’occhiata agli ultimi dati Istat, non si può essere certo soddisfatti, anzi: l’Italia resta a crescita zero, dato che nel secondo trimestre del 2019 l’Istat stima che il Pil è invariato sia a livello congiunturale che tendenziale.

Il Prodotto interno lordo dell’Italia è risultato “stazionario” nel secondo trimestre del 2019, rallentando dopo il “marginale recupero” congiunturale del primo trimestre dell’anno. In termini tendenziali invece si registra una, sempre lieve, accelerazione: la crescita zero succede a un Pil negativo per lo 0,1%.


Per l’Istat continua così la “fase di sostanziale stagnazione”, visto che per il quinto trimestre consecutivo la variazione congiunturale si attesta intorno allo zero.

You May Also Like

Trading online per principianti: tutto quello che c’è da sapere per iniziare

La ricerca di nuove prospettive di guadagno ha portato sempre più persone…

Disoccupazione in calo, a marzo il livello più basso dal 2012

Tasso di disoccupazione in discesa: a marzo 2016 raggiunto l’11,4%. Notizie incoraggianti…

Banche italiane, per Schaeuble si può intervenire

“Ci sono margini per intervenire sulle banche italiane, anche se resta aperta…