Nuova Zelanda, è strage in due moschee
Nuova-Zelanda-strage-in-due-moschee

Il bilancio delle vittime è solo provvisorio ed è purtroppo destinato a salire nelle prossime ore, ma già i primi numeri e le prime immagini rendono la terribile tragedia che si sta consumando in queste ore in nuova Zelanda: un commando di quattro persone guidate da un ventottenne australiano, Brenton Tarrant , è entrato in due moschee, durante il tradizionale venerdì di preghiera, ed ha aperto il fuoco, cercando di mietere quante più vittime possibili.

Gli attacchi sono avvenuti intorno alle 13.40 ora locale – l’1.40 del mattino in Italia – è il bilancio delle vittime è di almeno quarantanove morti.

Per aggiungere orrore all’orrore, l’autore degli attacchi ha ripreso la strage in diretta streaming: il video, pubblicato su Facebook, è durato 17 minuti ed è poi stato rimosso dal social network.

“Mi sono ispirato alla strage compiuta ad Utoya, in Norvegia, da Anders Breivik nel 2011. Voglio uccidere gli stranieri invasori”, si è sentito chiaramente affermare nel video.

Inoltre Tarrant sui caricatori delle armi usate per la strage ha inciso i nomi di coloro a cui si è ispirato: sono stati trovati il nome di Luca Traini, 28enne di Tolentino autore della sparatoria contro gli immigrati avvenuta a Macerata il 3 febbraio del 2018, ma anche quello di Alexandre Bissonette, 29enne che nel 2017 uccise sei persone in una moschea di Quebec City.

You May Also Like

Migranti, dalla UE 700 milioni per i profughi

Previsto dalla UE uno stanziamento di 700 milioni per la crisi dei…

Salvini e Le Pen contro la UE su migranti e lavoro

Matteo Salvini e Marine Le Pen uniti in un attacco frontale all’UE…

Dubai, fiamme nell’hotel simbolo della città

Ultimo dell’anno che si presenta con un incendio in pieno centro a…