Papa Francesco torna a schierarsi apertamente contro razzismo ed intolleranza
Papa Francesco scatena la polemica baciando i piedi al leader del Sudan

L’Italia, negli ultimi anni, si è scoperta sempre più intollerante e razzista.

Inutile girarci intorno: ad acuire il disagio hanno contribuito senza dubbio le migliaia di sbarchi di clandestini, tra cui erano nascoste mele marce sovente non prontamente scovate, ma si è arrivati persino a rifiutarsi di dar da mangiare in un campo Rom nella periferia romana e a non affittare a colore che hanno la pelle scura.

Una degenerazione xenofoba di cui è tornato ad occuparsi anche Papa Francesco, con un appello accorato che non può lasciare insensibili.

“Cuore aperto per accogliere: se io ho il cuore razzista devo esaminare il perché e convertirmi. Gli immigrati vanno ricevuti, accompagnati e integrati in un interscambio di valori.

Questa è la bellezza di accogliere per diventare più ricchi di cultura, nella crescita, alzare muri non serve. Io vi dico: insegnate ai giovani a crescere nella cultura dell’incontro e a crescere con le differenze, si cresce con il confronto”, ha detto Bergoglio ai docenti e agli studenti dell’Istituto San Carlo di Milano, nell’Aula Paolo VI.
“Qualcuno può dire ‘Ma sono delinquenti…'”, ha continuato Bergoglio, “anche noi ne abbiamo tanti. La mafia non è stata inventata dai nigeriani.

La mafia è un ‘valore nazionale’, è nostra, è italiana. Tutti abbiamo la possibilità di essere delinquenti. I migranti ci portano ricchezza perché l’Europa è stata fatta da migranti”.

Chi è al governo dovrebbe dare per primo il buon esempio, mentre “oggi c’è la tentazione di fare una cultura dei muri, alzare muri nei cuori e sulla terra per impedire un incontro tra culture…ma chi costruisce i muri finirà schiavo dentro i muri che ha costruito”, chiosa il Pontefice.

You May Also Like

Matteo Renzi in Nigeria per terzo viaggio in Africa

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi è in Nigeria per il suo…

Gabrielli, Roma e la legalità perduta

Per il Prefetto Franco Gabrielli a Roma “è ancora lunga la strada…

Saluto fascista alla messa per Benito Mussolini

Accade a Catania: saluto fascista alla messa in suffragio di Benito Mussolini.…