Quali sono i benefici dell’integrazione?

redazione

L’integrazione alimentare consiste nell’utilizzare prodotti specifici per andare a completare il fabbisogno giornaliero di una determinata persona. Essendo l’alimentazione umana molto ampia,varia e complessa di riflesso lo può essere anche l’integrazione alimentare.

Non esiste – a conseguenza di quanto detto – un’unica regola che valga per tutti. Ogni individuo ha caratteristiche uniche, che mescolate alla propria routine giornaliera, quadro clinico ed eventuale attività sportiva definiscono i reali bisogni della persona.

Da esigenze così ampie deriva che il mercato degli integratori è molto vario ed è in grado di soddisfare quasi la totalità dei bisogni delle persone.

Prima di continuare è bene precisare che quando si parla di integratori alimentari/sportivi nella maggior parte dei casi si fa riferimento a prodotti che non sono considerati farmaci. Inoltre è assolutamente necessario precisare che gli integratori alimentari in nessun caso sono un sostituto di un pasto e non sono l’alternativa ad uno stile di vita sano: in poche parole non sono formule magiche.

Quali sono i benefici de integrazione

A cosa servono quindi gli integratori alimentari?

Gli integratori alimentari servono come alleati per completare il proprio fabbisogno giornaliero di micro e macro nutrienti ed eventualmente a sopperire deficit dovuti ad una scarsa assunzione di sostanze nutrienti. Servono anche a raggiungere la quota di sostanze nutrienti nel caso in cui il proprio fabbisogno aumenti come nel caso in cui si inizi a praticare sport.

Sono sicuri da utilizzare?

La risposta è dipende.

Se parliamo dei principali integratori alimentari e/o sportivi le normative e i test sono molto rigidi e non sono mai stati riscontrati rischi dall’utilizzo prolungato da integratori (altrimenti non avrebbero il permesso di essere commercializzati).

Allora perché la risposta non è “gli integratori sono totalmente sicuri”? Perchè in passato in numerosi casi – a seguito di accertamenti – sono stati identificati agenti contaminanti all’interno degli integratori, dovuti ad una scarsa qualità durante il processo produttivo.

Un esempio? sportgang.it è un sito che parla di sport e di nutrizione sportiva. Nella sua sezione chiamata “Integrazione” sono riportati i risultati di uno studio condotto su oltre 634 integratori dal ricercatore Hans Geyer nel 2004, in cui emerge che oltre il 10% di questi prodotti conteneva sostanze dopanti.

É di fondamentale importanza quindi non affidarsi a produttori di integratori sconosciuti o sprovvisti di certificazioni e di controlli. Spesso, tramite l’inganno di un prezzo davvero conveniente si nasconde il rischio di utilizzare un prodotto dannoso per la salute.

Il consiglio è sempre di affidarsi unicamente a produttori conosciuti e certificati e di non ricercare unicamente la soluzione più economica.

Qual è il più grande consiglio che si può ricevere riguardante gli integratori alimentari?

Affidarsi a professionisti della nutrizione o al proprio medico. La formula del fai da te è sempre alla base di quelle situazioni in cui si sfocia in problemi più o meno seri. Non in tutti i casi l’integrazione è richiesta e in grado di portare i benefici sperati.

É bene quindi consultare un esperto che possa condurre accertamenti e fornire soluzione disegnate su misura per ogni singola persona.

Per altri articoli ti aspettiamo nella nostra homepage o come in questo caso, nella sezione salute o in quella dello sport.

Next Post

Razer: Non sono ditali per cucire ma per giocare

Il mercato dei giochi per dispositivi mobili è in rapida crescita e si stima che il settore valga 15,1 miliardi di dollari attualmente. Razer ne è sicuramente consapevole, perché ultimamente sta investendo sempre di più nella creazione di ausili per i giocatori da smartphone, come occhiali, cuffie e controller speciali. […]
Razer Non sono ditali per cucire ma per giocare