Scontro Juncker Vs Renzi, parole virili

Eleonora Gitto

Scontro Juncker Vs Renzi, parole viriliPer Juncker, con Renzi “scambio di parole maschie e virili, ma relazioni buone”.

I due se ne sono dette di tutti i colori, ma ora le parole del Presidente della Commissione europea sembrano delineare almeno una tregua.

Certo, la sostanza rimane, e la sostanza è che Renzi vuole si attribuisca all’Italia un protagonismo che in Europa non c’è mai stato.

E dall’altra parte si tende, invece, a dire che l’Europa è già stata troppo buona col nostro Paese, a cominciare dal discorso “flessibilità”.

Juncker, in conferenza stampa a Bruxelles, ha detto che “venerdì era triste per certe considerazioni fatte verso la Commissione”.

“Tuttavia”, ha continuato, “non ci sono problemi tra il governo italiano e la Commissione, a parte un dibattito che qualche volta è condotto con parole maschie e virili, ma ci sono buone relazioni tra la Commissione, il suo presidente ed i colleghi italiani e il primo ministro”.

“C’è stato uno scambio vivace”, prosegue il Presidente, “ma questo è normale in democrazia e non avrà conseguenze”. Tutto rientrato? Diciamo una buona parte, ma non osiamo pensare allora cosa si sarebbero detti se le relazioni non fossero state buone.

Next Post

Orlandi, niente più spese farmaceutiche nel 730

Per Rossella Orlandi, direttore dell’Agenzia delle Entrate, “le spese farmaceutiche potrebbero non rientrare nel prossimo 730 precompilato”. In una audizione alla Camera dei Deputati la direttrice ha ammesso che “ci sono dei problemi tecnici, che si stanno verificando. C’è un problema con le farmacie perché alcune associazioni di categoria nonostante […]
Orlandi, niente più spese farmaceutiche nel 730