Si apre la battaglia per la successione a Silvio Berlusconi

Eleonora Gitto

Si apre la battaglia per successione a Silvio BerlusconiSi apre la battaglia per la successione a Silvio Berlusconi.

Una volta si diceva per raggiunti limiti d’età. A questo si aggiunge che la degenza per la riabilitazione dell’ex Cavaliere non sarà breve. Si parla, per le dimissioni dall’ospedale, di metà luglio e forse anche oltre.

Insomma, l’operazione non è stata semplice e l’età non aiuta. Un intervento a cuore aperto è sempre un intervento a cuore aperto.

Dentro Forza Italia si scatena la battaglia per la successione e per i riposizionamenti, che sembra appartenere però, più che al mondo della politica, al mondo del gossip.

Basta leggere i nomi di chi andrebbe in minoranza: Mariarosaria Rossi, Deborah Bergamini, Alessia Ardesi.

Al loro posto subentrerebbero con maggior decisione e impegno le persone più legate a Marina Berlusconi, vale a dire Gianni Letta, anche lui peraltro anzianotto, Fedele Confalonieri e Nicolò Ghedini.

Il tutto in una salsa che, naturalmente lo sa mezzo mondo, è tutto fuorché un partito. Non ricordiamo sia mai stato fatto un Congresso di Forza Italia, un direttivo o qualcosa di simile.

In realtà è sempre stato un coacervo eterogeneo di persone, spesso in conflitto, legate solo da un certo rapporto fiduciario col leader.

Next Post

Spagna, Rajoy ha vinto ma non ha vinto

In Spagna l’ex Premier Rajoy ha vinto ma non ha vinto. Podemos, i pentastellati spagnoli, speravano in un sorpasso del Partito Socialista, che invece non c’è stato. I socialisti invece hanno tenuto e sono rimasti la prima forza di sinistra, ammesso che anche Podemos possa essere considerata forza di sinistra. […]
Spagna, Rajoy ha vinto ma non ha vinto