Space X, il Falcon 9 è ammarato nell’Oceano Atlantico

Eleonora Gitto

Space X, il Falcon 9 è ammarato nell'Oceano AtlanticoSpace X, il Falcon 9 è ammarato nell’Oceano Atlantico.

Il vettore spaziale Falcon 9 è finalmente riuscito, bontà sua dopo quattro tentativi falliti, ad atterrare su una nave teleguidata. Più che un ammaraggio, un mezzo ammaraggio o, se volete, mezzo ammaraggio e mezzo atterraggio.

Fatto sta che questa volta ci è riuscito, e se avesse fallito pure adesso, sarebbero stati dolori. L’imbarcazione, chiamata Drone ship, attendeva paziente in mezzo all’Atlantico, e alla fine il vettore è arrivato.

Si tratta di un’impresa mai riuscita prima. In realtà già lo scorso dicembre c’era stato un atterraggio spaziale, ma sulla terra ferma.

Il razzo di Space X aveva compiuto una missione di rilievo, portando sulla Stazione Spaziale Internazionale il modulo Beam, cioè il primo ambiente gonfiabile per astronauti.

La struttura è stata montata sabato scorso e sarà gonfiata nel mese di maggio. Proseguono quindi a spron battuto le missioni spaziali veicolate da privati, che vanno sempre più sostituendo quelle pubbliche governate direttamente dagli Stati.

Di qui a poco, la colonizzazione dello spazio si indirizzerà sempre più verso ambiti di privatizzazione, sia in termini scientifico-esplorativi che commerciali. Le stelle non saranno più di tutti, diventeranno un fatto privato. E chissà se si potranno comprare.

Next Post

In Giappone si paga con le impronte digitali

In Giappone si paga con le impronte digitali. Se fra un po’ faremo un viaggio nel Paese del sol levante, è possibile che per pagare non useremo più contanti, assegni, carte di credito e quant’altro. E non avremo più bisogno nemmeno del cambio euro/yen. Il governo giapponese sta, infatti, sperimentando […]
In Giappone si paga con le impronte digitali