Bagnasco, i figli non sono un diritto

Eleonora Gitto

Bagnasco, i figli non sono un dirittoPer il cardinale Bagnasco i figli non sono un diritto e devono avere mamma e papà.

Sempre secondo Bagnasco, che interviene ovviamente sul tema delle Unioni Civili, la famiglia è un fatto antropologico e non ideologico.

Ma l’antropologia non è una scienza ferma, così come la religione, che peraltro non è una scienza ma un’ideologia; e comunque è ferma.

L’antropologia è una scienza dinamica che studia anche i cambiamenti sociali, politici e civili. Ne tiene conto.

Cosa che la religione fa molto meno spesso. Per cui dire che la famiglia è inquadrabile sempre allo stesso modo perché antropologicamente è così, è sbagliato.

Così come ci sembra quanto meno opinabile che avere un figlio non sia un diritto. Diremmo che la questione del figlio è molto più antropologica della questione della famiglia.

Così come, tanto per dirla tutta, la vita stessa non è un diritto, contrariamente a quello che pensa la Chiesa.

Perché i diritti sono in capo a persone che possono esercitarli. Se non si è nati, questo non è possibile: non si può esercitare un diritto alla vita da non nati. Semmai esiste un diritto alla procreazione, molto biologico e antropologico.

E ancora. Contrariamente sempre a quello che pensa la Chiesa, esiste un diritto alla morte, ad andarsene, sembra che sia esercitato da persona senziente e consenziente.

Insomma la Chiesa, e segnatamente questo Bagnasco, non ne azzeccano una. Ma tant’è, questo è quello che passa…il Convento

Next Post

Point Break, da 27 gennaio di scena lo sport estremo

Arriva nelle sale italiane Point Break, il remake del film cult del 91 in cui tutto si gioca sui brividi dello sport estremo. Esattamente 25 anni fa Patrick Swayze e Keanu Reeves, protagonisti del capolavoro di Kathryn Bigelow, ci tennero incollati allo schermo fino all’ultima “onda perfetta”. Il Point Break […]
Point Break, da 27 gennaio di scena lo sport estremo