Barack Obama a Baltimora visita una MoscheaLasciando di stucco un po’ tutti, Barack Obama visita la Moschea di Baltimora.

Una precisa scelta politica che da una parte tende a difendere la libertà di religione, dall’altra è un preciso segnale politico nei confronti dei Repubblicani che identificano totalmente il terrorismo con l’Islam.

Ma i critici di Obama hanno subito fatto notare che questa moschea di Baltimora ha avuto legami con ambienti contigui al terrorismo.

In particolare si tratterebbe dei rapporti con Mohamad Adam El-Sheik, Imam della mosche di Baltimora dal 1983 al 1989 e dal 1994 al 2003.

El Sheik avrebbe avuto contatti e relazioni importanti sia con i Fratelli Musulmani, sia con Anwar al-Awlaki, uomo decisamente radicale.

El Sheik si era trasferito in Usa nel 1978 ed era diventato direttore regionale dell’Islamic American Relief Agency. Ma si tratta delle prime schermaglie in occasione delle primarie repubblicane e democratiche Usa.

Certamente le posizioni dei candidati, specialmente quelli repubblicani, nei prossimi giorni delle consultazioni, subiranno delle accelerazioni quanto ad intolleranza nei confronti dell’Islam.

Per ora ci sembra che il Presidente americano, tenendo fede alla propria linea politica di apertura e tolleranza religiosa, ben abbia fatto a far capire per l’ennesima volta che gli Usa sono campioni di democrazia anche in questo.