Canada, killer uccide ben 18 persone

redazione

Purtroppo oltreoceano non si è nuovi a stragi del genere, vista anche la diffusione enorme di armi, che possono essere vendute praticamente a tutti e con ben pochi controlli, ma di certo non ci si può abituare a cotanta follia, con conseguenze così gravi.

Stavolta la strage si è consumata in Canada: la polizia locale ha confermato che un uomo armato, travestito da ufficiale di polizia, ha ucciso 18 persone in una sparatoria in tutta la provincia della Nuova Scozia. 

Le autorità hanno detto che indossava un’uniforme della polizia e aveva trasformato la sua auto rendendola simile a una della Royal Canadian Mounted Police.

La mano armata è quella di Gabriel Wortman, 51 anni, che viveva a Portapique. 

Canada killer uccide ben 18 persone
Polizia Québec (foto@Wikimedia)

Secondo quanto riferito al quotidiano canadese Globe and Mail  da alcuni suoi vicini di casa, Wortman avrebbe incendiato la propria casa e poi avrebbe dato fuoco ad altri edifici nelle vicinanze, per poi lasciare la zona di Portapique e spostarsi di diverse decine di chilometri, sparando e uccidendo altre persone.

L’assalto è iniziato sabato e le autorità ritengono che il tiratore possa aver scelto le sue prime vittime, ma poi ha iniziato ad attaccare a caso, andando avanti per ben 12 ore prima di essere ucciso.

Questa è la strage più grave nella storia del Canada e si è conclusa con l’uccisione dell’aggressore da parte della polizia. Prima di oggi la strage più grave era avvenuta nel 1989 al Politecnico di Montréal, quando uno studente uccise 14 donne e poi si suicidò.

Next Post

Presto si potrebbe andare in ufficio anche di notte

La Fase 2, come abbiamo potuto vedere più volte in questi giorni, è alquanto “nebulosa”: si sa che bisognerà continuare a mantenere la distanza sociale, anche se lasceremo le nostre case e torneremo al lavoro, ma non si sa come sarà possibile attuarlo. Teoricamente, infatti, sappiamo ed è giusto che […]
Presto si potrebbe andare in ufficio anche di notte