Che rapporto c’è tra costi diretti e indiretti?

redazione

Gestire un’azienda non è per niente semplice. Non si tratta solo di avere un’idea creativa  e originale che possa tradursi nella produzione di un bene o un servizio messo a disposizione del cliente. Quello è il fine e la ragion d’essere di un’impresa. Ma un imprenditore deve occuparsi di tante altre cose: dal motivare i suoi dipendenti alla programmazione degli obiettivi dell’azienda. E soprattutto deve gestire il budget.

Si sa che un’impresa può andare avanti solo e soltanto se riesce a bilanciare bene le entrate e le uscite. In particolar modo, i costi da sostenere devono essere tenuti sotto controllo perché possono essere regolati da una buona strategia. Sapere quanto si spende è importante perché permette di capire se si sta operando nella maniera giusta o se ci sono delle azioni che possono essere intraprese per migliorare la performance aziendale. Ecco perché è molto importante per un’impresa dotarsi di uno dei migliori software per il controllo di gestione in commercio. Per tenere d’occhio l’andamento dell’azienda è necessario usare tutti i migliori strumenti disponibili.

Ma bisogna anche sapere che non tutti le spese sono simili. All’interno di un’impresa si fa una distinzione tra i costi diretti e i costi indiretti. Qual è la differenza?

Che rapporto ce tra costi diretti e indiretti

Per capirlo bisogna prestare molta attenzione agli aggettivi della definizione. Come suggerisce la parola, i costi diretti sono quelli che hanno una “diretta” attinenza con il mondo della produzione, ovvero quelli che si riferiscono specificamente al prodotto. Vengono classificati come costi diretti i soldi spesi per:

  • l’acquisto delle materie prime;
  • l’uso di particolari mezzi e attrezzature;
  • la forza lavoro di chi realizza il prodotto.

Al di là di queste voci, ci possono essere delle spese eventuali che riguardano:

  • viaggi e trasferte necessari alla realizzazione del prodotto;
  • formazione del personale che deve svolgere quel lavoro;
  • acquisto di licenze per la realizzazione di un oggetto particolare.

Sono importanti perché è sulla base di queste spese che l’imprenditore dovrà determinare il valore del prodotto che inciderà sul suo prezzo finale.

I costi indiretti, al contrario, sono quelli che ruotano intorno alla produzione e che non hanno con essa un legame diretto. Si tratta delle spese fatte per quei fattori produttivi strumentali che vengono usati per più progetti e non hanno un legame diretto con la produzione. Si tratta delle spese di gestione e di amministrazione e delle utenze. Possono essere considerate uscite non legate alla produzione:

  • il costo del personale che supervisiona i progetti, come il project manager;
  • gli affitti e le utenze dell’ufficio in cui opera l’azienda;
  • i costi dell’amministrazione;
  • i costi delle attrezzature condivise da più progetti.

Ogni volta che si deve predisporre una strategia aziendale e fissare degli obiettivi, bisogna necessariamente tener conto sia dei costi indiretti che di quelli diretti. È fondamentale per il corretto funzionamento dell’impresa. Quindi, fate molta attenzione al controllo di gestione che scegliete!

Next Post

Trump non vuole riconoscere la gravità del Coronavirus

Proprio per non riconoscere la gravità di un virus, il cui contagio poteva essere fermato fin da subito con qualche accortezza in più, l’Italia si ritrova ad essere un paese paralizzato, sull’orlo di una crisi sociale, sanitaria ed economica senza precedenti. Naturalmente l’epidemia non sta risparmiando praticamente nessun paese ed […]
Trump non vuole riconoscere la gravita del Coronavirus