Cile, aumentano i disordini e scatta il coprifuoco totale
Cile aumentano i disordini e scatta il coprifuoco totale

Ci sono paesi che accettano passivamente, o quasi, le decisioni governative, anche quelle che più vanno contro gli interessi del proprio popolo, e paesi invece con cittadini che non temono di scendere in piazza per protestare, per rivendicare i propri diritti.

Naturalmente il confine tra proteste e tafferugli è sottilissima, ed in poche ore in Cile si è scatenato il caos più totale: già tre persone hanno infatti perso la vita nel corso dei disordini.

Le morti sono avvenute in un incendio scoppiato in un supermercato saccheggiato nel comune di San Bernardo. I vigili del fuoco hanno trovato due corpi carbonizzati mentre un terzo è morto in ospedale.

I cittadini da tempo covavano rancore verso il proprio presidente, ma l’aumento del prezzo dei biglietti della metropolitana in città è stata l’ultima goccia che ha spinto in migliaia a scendere in piazza.

I tafferugli hanno spinti quindi il presidente Sebastián Piñera a revocare l’aumento del prezzo del biglietto dei trasporti pubblici, ma l’Esercito ha invece proclamato il coprifuoco in tutta Santiago del Cile.

In buona sostanza, la gente è obbligata a restare in casa e non potrà uscire dalle 9 di sera alle 7 del mattino: è la prima volta che accade dai tempi della dittatura di Augusto Pinochet.

foto@Wikipedia

You May Also Like

Europol, 6 miliardi di euro per i trafficanti di migranti nel 2015

I trafficanti di migranti pare abbiano incassato solo nel 2015 ben sei…

Siria, militari curdi e statunitensi insieme contro l’Isis

Militari curdi e statunitensi insieme in Siria contro i terroristi dell’Isis. Anche…

Francia, Flamanville e l’incidente alla centrale nucleare

Francia: incidente alla centrale nucleare Flamanville  Il nucleare torna a scuotere l’Europa,…