Colombia: In migliaia ancora in piazza a protestare

Colombia In migliaia ancora in piazza a protestare

Migliaia di persone hanno protestato di nuovo mercoledì contro il presidente Ivan Duque in Colombia, dove dalla fine di aprile manifestazioni di una portata senza precedenti hanno ucciso decine di persone.

Scesi nelle strade di diverse città, i manifestanti chiedono in particolare la fine della repressione poliziesca e politiche pubbliche più unite di fronte all’impatto economico della pandemia di Covid-19, che ha fatto precipitare il 42% dei 50 milioni di abitanti in povertà.

Colombia In migliaia ancora in piazza a protestare

Abbiamo bisogno di opportunità, che l’istruzione, la salute, siano un diritto e non un privilegio” Sofia Perico, una studentessa di 15 anni di liceo, è venuta a manifestare con la sua famiglia davanti a un hotel nel centro della capitale dove sta tenendo le sue riunioni una delegazione della Commissione interamericana sui diritti umani (IACHR). “Vogliamo un cambiamento nella politica sociale, nella politica economica (…) la gente semplicemente non ce la fa più“, aggiunge il professor Dernir Galvis, un altro manifestante.

La crisi sociale, scoppiata il 28 aprile contro un piano di aumento delle tasse già ritirato, si traduce in manifestazioni quasi quotidiane di varie dimensioni, blocchi stradali, che colpiscono in particolare il sud-ovest del Paese, e violenti scontri con le forze dell’ordine. La comunità internazionale ha denunciato gli eccessi e i soprusi della polizia, che hanno motivato la visita della IACHR dal 6 al 10 giugno.

A Bogotà, i nativi hanno anche tentato di rovesciare le statue di Cristoforo Colombo e della regina Isabella, situate su un viale che conduce all’aeroporto internazionale El Dorado. “Qui vogliamo denunciare questi crimini contro l’umanità di più di 500 anni fa, che continuano a essere commessi oggi. I modi di governare e reprimere le persone rimangono gli stessi “, ha detto all’AFP Edgar Velasco, un nativo americano di 36 anni, che ha protestato vicino alle statue i cui accessi sono stati transennali dalla polizia.

fonte@AFP