Come risolvere l’acne in età adolescenziale

Come risolvere acne in eta adolescenziale

L’acne è il disturbo cutaneo molto comune, coinvolge una enorme percentuale di giovani nel mondo.

L’acne può essere particolarmente emotivamente devastante per gli adolescenti perché sono estremamente consapevoli del loro aspetto e della loro immagine“, afferma Hilary Baldwin, MD, professore associato di dermatologia presso la State University di New York a Brooklyn.

Diversi studi hanno dimostrato che chi soffre di acne può sperimentare di tutto, dalla diminuzione dell’autostima e problemi con l’immagine corporea alla depressione e alla rabbia“.

I dermatologi incoraggiano i genitori a cercare cure mediche per gli adolescenti con l’acne e avvertono di non adottare un approccio “aspetta che cresci”.

Molti genitori sono spesso bloccati nella mentalità delle generazioni passate che non si può davvero fare nulla contro l’acne“, afferma Sandra Swanson, una dermatologa di Charlotte, Carolina del Nord.

Credono ancora nei racconti delle nonne che la colpa è del cioccolato, della pizza, delle patatine fritte e delle abitudini igieniche del loro bambino e che i brufoli possono essere curati o prevenuti con semplici cambiamenti nello stile di vita“.

Evitare il trattamento, tuttavia, può peggiorare l’acne e aumentare la possibilità di cicatrici permanenti.

L’obiettivo finale della terapia dell’acne è aiutare a chiarire i brufoli che hai e prevenire il verificarsi di futuri sfoghi“, afferma Larry Green, assistente professore di dermatologia presso la George Washington University School of Medicine.

In generale, se tuo figlio non risponde ai rimedi casalinghi e ai trattamenti da banco dopo un mese, è una buona idea consultare un dermatologo. I dermatologi hanno maggiori possibilità di successo a lungo termine se il trattamento viene iniziato prima piuttosto che dopo.

Forse l’errore più comune commesso dai genitori si verifica durante la prima visita allo studio del dermatologo. Troppo spesso i genitori monopolizzano la conversazione con il medico e non danno al ragazzo la possibilità di esprimere i propri sentimenti.

“Per quei genitori, faccio loro sapere senza mezzi termini che questa non è la loro condizione, ma piuttosto la condizione del ragazzo e il dermatologo ha bisogno di sentire lui”, afferma Omaha, dermatologo Neb. Joel Schlessinger, MD “Penso che sia così è fondamentale che i genitori siano presenti alla prima visita e siano sempre disponibili a discutere di questioni come i farmaci, ma la comunicazione diretta tra medico e paziente è fondamentale per il successo del trattamento“.

I genitori svolgono un ruolo fondamentale durante il trattamento“, afferma Montclair, dermatologa del New Jersey, Jeanine Downie, MD “Devono essere di supporto e incoraggiare, ma devono resistere all’impulso di brontolare o criticare, poiché potrebbe avere un effetto contrario (ad es. il ragazzo può scegliere di ribellarsi non rispettando le istruzioni del medico).”

La dottoressa Downie generalmente fornisce ai suoi pazienti adolescenti istruzioni scritte che possono mettere in luoghi visibili (come uno specchio del bagno) per servire come dolci promemoria. “Questo dà loro un senso di appartenenza al piano di trattamento”.