In Groenlandia i ghiacci si sciolgono troppo presto

Eleonora Gitto

In Groenlandia i ghiacci si sciolgono troppo prestoIn Groenlandia i ghiacci si sciolgono troppo presto.

Gli studiosi affermano che in aprile è stato perso oltre un millimetro, mentre la cosiddetta stagione di fusione artica va di solito da giugno a settembre.

L’allarme è stato lanciato dall’Organizzazione mondiale della meteorologia, Onm, secondo la quale il fenomeno è rilevante e sta avvenendo troppo presto.

I ricercatori dell’Istituto meteorologico danese hanno constatato che il ghiaccio si è sciolto ad aprile per uno spessore di oltre un millimetro sul 12% della superficie della calotta.

I precedenti ci sono, ma si era arrivati al massimo al 10% dell’area, ad esempio a maggio 2010, 2006 e 1990. I dati raccolti d’altro canto sono in linea con le previsioni degli ultimi anni sul riscaldamento globale del pianeta a causa del ben noto effetto serra.

Il quale non solo sembra essere il protagonista principale dell’aumento delle temperature e più in generale delle condizioni climatiche sulla Terra, ma è l’indice più evidente dell’aumento delle concentrazioni di anidride carbonica, le quali contribuiscono in maniera determinante ad aumentare i livelli di inquinamento.

Quindi scioglimento dei ghiacci in Groenlandia, effetto serra e inquinamento procedono insieme. Almeno fino a quando l’uomo non deciderà di cambiare qualcosa.

Next Post

Brennero, il muro della vergogna avrà effetti nefasti sulla UE

Brennero, per Gentiloni la costruzione del muro della vergogna da parte degli Austriaci avrà effetti nefasti su tuta l’Europa. E, in effetti, quando si costruiscono muri, si smantella la democrazia, la solidarietà. A ogni mattone corrisponde una punta di odio in più, a ogni rete fa da contrappeso il gioco […]
Brennero, il muro della vergogna avrà effetti nefasti