Latte di mandorla migliore del latte naturale, il seme primo in europa
Latte di mandorla migliore del latte naturale il seme primo in europa

Tutti i motivi per cui il latte di mandorla è migliore del latte

Secondo alcuni studi, molti consumatori stanno abbandonando i prodotti caseari, in particolar modo la popolazione americana. Ormai, la domanda di latte è segnata in particolar modo dai consumatori che passano alle bevande vegane come la soia, il cocco e il latte di mandorla. Questo cambiamento ha portato molti a chiedersi quali siano i benefici, ma anche i costi, di cambiare l’abitudine del latte delle mucche con una soluzione di latte di mandorle. Si parla di utilizzo di acqua o di ingredienti aggiunti, proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Ecco alcuni motivi per cui il latte di mandorle è migliore del latte classico:

1. Puoi preparare il tuo latte di mandorla a casa senza naturalmente che questo venga ottenuto dalla mungitura in serie delle mucche.

Le mucche femmine producono latte per nutrire i loro bambini. Nell’industria lattiero-casearia, vengono impregnati forzatamente per iniziare il processo di allattamento. Quando i loro bambini sono nati, il latte con il quale desiderano nutrire i loro piccoli viene invece preso per il consumo umano. Molti vitelli maschi vengono strappati dal fianco della madre poco dopo la nascita, rinchiusi e uccisi prima del loro primo compleanno. Dopo un breve periodo di recupero, le mucche vengono nuovamente utilizzate per riprodursi e il processo ricomincia. Quando arrivano al termine della loro vita, vengono fatti a pezzetti e venduti come cibo per cani.

2. Le mandorle non producono rifiuti dannosi.

Le mucche mangiano molto cibo. Di conseguenza, producono molti rifiuti solidi, che sono dannosi per l’ambiente . Gli animali nelle fattorie, compresi quelli dell’industria casearia, producono 1,65 miliardi di tonnellate di letame all’anno. Poiché non ci sono impianti di trattamento delle acque di scarico degli animali, alcuni di questi rifiuti sono conservati in “lagune” o depositi naturali e alcuni di essi finiscono nei nostri corsi d’acqua e acqua potabile. Le mucche producono anche circa 150 miliardi di litri di metano al giorno . Il metano è da 25 a 100 volte più dannoso per l’atmosfera rispetto alla CO 2

3. Bisogno d’acqua, il latte di mucca non è perfetto.

Sapevi che possono essere necessari più di 600 litri d’acqua per produrre un litro di latte? Una singola mucca utilizzata per il suo latte in un lotto di mangimi industriali può consumare fino a 100 litri d’acqua al giorno , e in un dato giorno, ci sono più di 9 milioni di mucche nelle aziende lattiero-casearie statunitensi . Inoltre, il fieno di erba medica coltivato specificamente per essere utilizzato come mangime per animali richiede circa 1,6 miliardi di litri di acqua all’anno . Si calcola che il 55 percento del rifornimento di acqua dolce del paese sia destinato all’allevamento di animali per il cibo.

4. Il latte di mandorla non è pieno di ormoni.

Per far sì che producano più latte di quanto sarebbe naturale, alle mucche possono essere somministrati ormoni della crescita “bovino ricombinante” (rBGH), che le espone ad un aumentato rischio di sviluppare mastite, un’infiammazione dolorosa della mammella. Persino le mucche a cui non viene somministrato il rBGH producono ancora ormoni come estrogeni e progesterone, che vengono fuori nel loro latte.

Le mandorle non contengono ormoni o antibiotici.

5. Il 65% degli adulti in tutto il mondo sono ritenuti intolleranti al lattosio.

Solo negli Stati Uniti si stima che il 90% degli asiatici americani e il 75% di nativi e afro-americani soffrano di questa condizione, che può causare gonfiore, gas intestinali, crampi, vomito, mal di testa, eruzioni cutanee e asma. Ma non sono solo gli adulti: il latte è l’allergene alimentare numero uno tra neonati e bambini.

Le mandorle mantengono il loro primato in Europa per il terzo anno

Le mandorle mantengono il loro primato in Europa per il terzo anno

Le mandorle hanno mantenuto il loro primo posto in Europa, con 2.414 nuovi prodotti a base di mandorle nel 2017, secondo un indagine di mercato.

Secondo l’ultimo Global New Product Introductions Report di Innova Market Research, le mandorle hanno conservato il loro primo posto per quanto riguarda l’area dell’Europa.

L’Europa ha una quota del 47% delle introduzioni globali di prodotti a base di mandorle ed è in testa a livello mondiale per l’undicesimo anno consecutivo. L’area aveva 5.017 nuove introduzioni di prodotti con mandorle, con un aumento del 14% rispetto all’anno precedente.

Regno Unito, Germania e Francia seguono gli Stati Uniti come i primi paesi leader in Europa con 2.414 nuove introduzioni di prodotti di mandorle nel 2017.

La richiesta di mandorle può essere attribuita al loro ruolo di ingredienti naturali, ricchi di sostanze nutritive, con gusto accattivante, croccantezza e consistenza. Il nocciolo della mandorla ha anche una grande versatilità.

Mentre i consumatori cercano prodotti che offrano etichette, convenienza e nutrizione, senza sacrificare ovviamente il gusto, i produttori devono identificare gli ingredienti per distinguerli in categorie competitive“, ha affermato Dariela Roffe-Rackind , Director Europe & Global Public Relations.

L’impareggiabile versatilità delle mandorle significa che possono aiutare i produttori ad innovare per soddisfare le esigenze della massa dei consumatori e della prossima generazione. Le mandorle della California sono sicure, sostenibili e hanno una durata di conservazione relativamente lunga, aggiungendo gli attributi che i produttori stanno cercando.

È anche molto incoraggiante vedere l’Europa continuare a guidare l’innovazione nelle introduzioni di nuovi prodotti, oltre a giocare un ruolo così progressista su un palcoscenico globale“.

La crescita nella categoria delle barrette di mandorle è aumentata del 53% e nella categoria snack è aumentata del 32%, con le introduzioni di mandorle che crescono in quattro delle cinque categorie chiave di mandorle in tutto il mondo.

Il rapporto sui nuovi prodotti globali di Innova ha evidenziato le affermazioni fatte sulle confezioni di prodotti che utilizzano mandorle. Lo slogan principale era “senza glutine“, con “nessun additivo / conservante” che era anche il principale slogan sulla confezione. Seguendo le tendenze dei consumatori e le richieste di prodotti con etichette pulite, queste diciture sono state trovate su molti prodotti contenenti mandorle.

Ad esempio, vediamo un alto utilizzo di indicazioni che riportano senza glutine sui prodotti a barretta di mandorle rispetto alla categoria di prodotto generale. In effetti, oltre il 56 percento delle barrette di mandorle presenta una dicitura senza glutine, rispetto a meno del 46 percento per la categoria nel suo complesso”.

I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Italiaglobale a firma della redazione.

You May Also Like

Vitamina D facciamo il carico consumando più cacao

Abbiamo tutti sentito dire che il cioccolato è ricco di benefici per…

Fumo, i residui nocivi delle sigarette si trovano anche nei luoghi chiusi

Prima causa di morte nel mondo e prima causa di morte evitabile,…

Business su Facebook, vende sperma e fa 800 figli

L’inglese Simon Watson vende il suo sperma su Facebook e ora ha…