Laura Boldrini si schiera: la stepchild adoption è doverosa

Eleonora Gitto

Laura Boldrini si schiera: la stepchild adoption è doverosaPer il Presidente della Camera Laura Boldrini la stepchild adoption è doverosa.

l Presidente osserva che “quando il partner muore e resta solo, il partner che resta ha il dovere di occuparsi del figlio. E’ quasi naturale che questo dovere si traduca in un diritto. Se è un dovere naturale perché non è anche un diritto?”.

Una posizione in generale condivisibile, però si pone un problema di fondo.

Visto il suo altissimo ruolo di garanzia istituzionale e costituzionale, e quindi di terzietà, può un Presidente della Camera schierarsi a favore o contro una legge del Parlamento, e per di più esprimere valutazioni politiche su parti di essa?

Naturalmente la domanda è retorica, perché la risposta è no.

Laura Boldrini è stata messa lì per garantire l’ordinato e corretto funzionamento della Camera, non per esprimere valutazioni su una legge che la Camera sta per approvare.

Questi sono i fondamentali dello Stato, è una questione di alfabetizzazione costituzionale. E non è la prima volta che gli interventi del Presidente della Camera rischiano di diventare impertinenti.

Sarebbe bene che le decisioni su determinati ruoli istituzionali fossero frutto di una riflessione più ponderata e approfondita. Questo garantirebbe di più tutti.

Next Post

Grillo fa un passo di lato in nome della libertà

Beppe Grillo decide di fare un passo di lato, né avanti né indietro, in nome della libertà. In un’intervista al Corriere della Sera, il comico genovese decide in sostanza di tornare a fare il comico. Di seguito le sue riflessioni di maggior rilievo. “Non avrei mai pensato di essere l’artefice […]
Grillo fa un passo di lato in nome della libertà