Milano, operaio 40 enne morto cadendo da un tetto

Il lavoro è sostentamento, ma è anche dignità, è realizzazione e deve essere anche sicurezza, perché non si può continuare a morire così, per disattenzione, per mancanza di precauzioni.

Perché è facile di parlare di sicurezza sul lavoro imponendo norme che poi nella realtà non vengono rispettate, per mancanza di controlli in primis.

Ed è così che, nel 2019, ci troviamo ancora a fare la lista dei morti sul lavoro, che assomiglia sempre più a un bollettino di guerra.

L’ultima vittima  è stata mietuta a Sesto Ulteriano, una frazione di San Giuliano Milanese: un operaio di 40 anni è precipitato dal tetto di un capannone sul quale stava lavorando, facendo un volo di 12 metri. L’uomo è morto sul colpo.

Il dramma si è consumato pochi minuti dopo le 13.30 di ieri, in un magazzino in via Bolsena.

A quanto pare il 40enne – al lavoro per una ditta esterna – stava eseguendo alcune opere di rimozione amianto e di ripristino della copertura sul tetto del capannone quando una delle lamiere, probabilmente danneggiata dall’usura e dal maltempo, ha ceduto e ha fatto cadere l’operaio, provocandone la morte. Sul posto sono intervenuti il 118, con una eliambulanza, e la polizia locale di San Giuliano, ma ogni tentativo di rianimare il 40enne è stato inutile.

You May Also Like

Monza, scovata baby gang accusata di 12 rapine

Ai figli oggigiorno si cerca di dare tutto, tutto quello di cui…

Unioni civili, il figlio dei gay canadesi e Giorgia Meloni

Unioni Civili, le polemiche continuano: Giorgia Meloni e il figlio di una…

Cala il consumo mondiale di succo d’arancia

Cosa c’è di meglio di una buona spremuta di arance Washington Navel…