Sondaggio: La Scozia vuole l’indipendenza

Un sondaggio Ipsos pubblicato mercoledì, conferma il sostegno all’indipendenza scozzese è salito al 56%, riferisce Reuters, secondo quanto riportato Agerpres.

Il sondaggio arriva due settimane dopo che la Corte Suprema britannica ha bloccato un tentativo del governo di Edimburgo di indire un nuovo referendum sull’indipendenza nel 2023. Questo, condotto su un campione di 1.065 persone dai 16 anni in su provenienti dalla Scozia, ha indicato che il sostegno a l’indipendenza era aumentata di sei punti percentuali rispetto al precedente sondaggio di maggio.

Sondaggio La Scozia vuole indipendenza
foto@Pixabay

Senza tener conto degli indecisi, solo il 44% degli intervistati ha scelto di rimanere nel Regno Unito.

Secondo lo stesso sondaggio, lo Scottish National Party (SNP), guidato dal primo ministro Nicola Sturgeon, otterrebbe più della metà dei voti alle prossime elezioni, previste per il 2024.

Sturgeon ha promesso di candidarsi solo se l’indipendenza della Scozia sarà messa in discussione, rendendo il voto un referendum “de facto”.

Inoltre, il sondaggio ha indicato “un aumento del sostegno sia all’indipendenza che all’Snp“, ha commentato Emily Gray, direttrice di Ipsos Scotland.

Resta da vedere se si tratti di una spinta temporanea dopo la recente decisione della Corte Suprema o di una tendenza a lungo termine“, ha aggiunto Gray.

A seguito di un referendum nel 2014, gli scozzesi avevano votato dal 55% al ​​45% contro la fine della loro unione di oltre 300 anni con l’Inghilterra.

Tuttavia, le richieste di indipendenza hanno ricevuto una spinta dopo il voto dal 52% al 48% a favore della Brexit due anni dopo, una decisione contraria alla maggior parte degli scozzesi.

Fino a poco tempo fa, i sondaggi suggerivano che gli scozzesi rimanessero equamente divisi sull’indipendenza e che un referendum avrebbe fornito un risultato troppo vicino per essere decisivo.