Terrazza Termini, tremila metri quadri di relax e tecnologia
Terrazza Termini, tremila metri quadri di relax e tecnologia

Terrazza Termini, tremila metri quadri di relax e tecnologiaTerrazza Termini, tremila metri quadri di relax e tecnologia.

Terrazza Termini è stata inaugurata nella mattinata del 28 giugno 2016 dal Ministro dei Trasporti Graziano del Rio e dai vertici del Gruppo FS e di Grandi Stazioni. Si tratta di un’opera ad alta valenza ingegneristica, completamente made in Italy.

Nell’area servizi ci saranno Wi-Fi free, punti ricarica per cellulari, molti display informativi, un efficiente impianto di climatizzazione, toilette, comodi posti per sedersi e attendere, aree ristorante e bar.

Insomma, di tutto e di più. Finalmente la stazione Termini si trasforma radicalmente, con un look diverso e, si spera, anche con una migliore efficienza.

Dall’area si potrà vedere dall’alto il resto della stazione, treni e binari compresi. I treni che arrivano ala stazione Termini sono oltre ottocento al giorno, mentre la frequentazione della stazione da parte dei passeggeri arriva a quasi mezzo milione.

Anche l’illuminazione è stata pensata in maniera particolare, con un occhio al risparmio energetico, con circa 250 punti led posizionati in maniera strategica. Pure l’illuminazione è totalmente di marca italiana.

Su tutto domina il colore bianco, per dare un’idea di ampiezza maggiore degli spazi. Nel frattempo si sta costruendo abbastanza in fretta anche il nuovo parcheggio sopraelevato.

Giornalista e appassionata del web, condivide la passione della scrittura sia su cartaceo che online. Presidente presso Comunicazione e Territori scarl

You May Also Like

Arriva Amazon Prime Video, tempi duri per Netflix

Molto probabilmente Amazon Prime Video arriverà in Italia a novembre: per Netflix…

SplashData, la classifica delle 25 password più a rischio

Ecco la classifica delle password a rischio stilata da SplashData la società…

WhatsApp, la rivoluzione si chiama Photo Editor

Per WhatsApp ci sono in arrivo grandi novità: la rivoluzione della versione…