20 milioni di dollari per comunicazioni satellitari ad alta potenza

redazione

L’azienda dual satellite Gilat controllata dal Pimi Fund che è anche detenuto da Mivtach Shamir (7,64%), riferisce di aver ricevuto ordini per un importo di oltre 20 milioni di dollari per supportare un gruppo di satelliti in orbita bassa (LEO).

20 milioni di dollari per comunicazioni satellitari ad alta potenza

L’annuncio dalla sussidiaria di Gilat, Wavestream, che progetta e produce comunicazioni satellitari ad alta potenza per la connettività in volo, comunicazioni terrestri in movimento, è stata selezionata per fornire sistemi di amplificazione a stato solido (SSPA) per un operatore satellitare leader per supportare il satellite a bassa velocità gateway di gruppo (LEO. Ordini ricevuti come parte di un contratto precedentemente segnalato.

Secondo Gilat, gli amplificatori a stato solido Wavestream PowerStream 160Ka che funzionano a livello di gateway e sono progettati per reti che utilizzano upload a banda larga e programmi di modulazione complessi consentono la migliore risposta ai severi requisiti dei gruppi di satelliti in orbita satellitare non geostazionaria (NGSO).

Bob Hoffman, CEO di Wavestream ha riferito: “Siamo pienamente impegnati a fornire gli SSPA, che sono essenziali per i gateway del gruppo satellite nell’orbita LEO. Il nostro vantaggio tecnologico, così come la capacità di produzione, ci rendono un fornitore perfetto per una grande quantità di SSPA che operano a livello di gateway e le frequenze Ka richieste per questo gruppo di satelliti“.

Si ricorderà che in seguito al balzo del 300% della quota, sia il Fondo Pimi che Mivtach Shamir hanno deciso di realizzare utili e hanno ridotto la propria partecipazione in Gilat. Nei rapporti non è stato possibile trovare la spiegazione del salto e c’erano molte speculazioni sul titolo quando è stato riferito che il fondo Kathy Wood ARK avrebbe emesso un ETF sulle compagnie spaziali.

Next Post

Anche Arabia Saudita potrebbe sospendere AstraZeneca?

Mentre più di un paese europeo ha segnalato casi di trombosi legati ad alcuni vaccini anti-Coronavirus, in particolare il vaccino “AstraZeneca“, l’Arabia Saudita ha annunciato la registrazione di un piccolo numero di casi relativi al vaccino svedese-britannico, diventando il primo paese arabo a segnalare casi simili dopo la vaccinazione. Diversi […]
Anche Arabia Saudita potrebbe sospendere AstraZeneca