Allarme resistenza antibiotici dalla UE

L’UE lancia l’allarme legato ad una vera e propria “minaccia globale” riguardante la resistenza agli antibiotici per alcune malattie batteriche che stanno diventando sempre più difficili, ed in alcuni casi impossibili, da trattare.

Causano “25’000 decessi l’anno, spese sanitarie e perdite di produttività per 1,5 miliardi di euro” e “entro il 2050 potrebbero uccidere una persona ogni tre secondi, “più del cancro”. La resistenza agli antibiotici, dunque, è una “minaccia globale”. Lo sostengono i commissari Ue alla salute e alla ricerca, Vytenis Andriukaitis e Carlos Moedas, nel decimo anniversario della Giornata europea degli antibiotici. I commissari hanno ricordato i progressi compiuti dal piano d’azione Ue per contrastare il fenomeno, con linee guida sull’uso prudente degli antimicrobici in medicina umana, l’iniziativa comune sulle infezioni associate all’assistenza sanitaria che coinvolge 28 paesi, e la costruzione da parte di 3 agenzie europee (Ecdc, Efsa e Ema) di indicatori affinché Ue e Stati membri possano misurare progressi e carenze nella lotta all’antibiotico-resistenza.

Vedersi prescrivere una cura di antibiotici della durata di cinque giorni, stare bene dopo tre e interromperla. Oppure andare a ripescare le pastiglie avanzate dall’ultimo grave mal di gola per darle a nostro figlio che ha sintomi simili. Sembrano comportamenti innocui, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti, ma stanno rendendo noi stessi e il resto dell’umanità molto più vulnerabili. Favoriscono infatti il fenomeno della resistenza agli antibiotici, ovvero la capacità dei batteri di imparare a difendersi da questi medicamenti per esempio dopo una cura non completata. L’appello, infine, è a un uso “mirato” di questi medicamenti.

redazione

I contenuti pubblicati dalla redazione di Italiaglobale.