Ancora tensione a Parigi

Allarme a Parigi per uomo armato di coltello.

È successo nel diciottesimo arrondissement di Parigi, nei pressi di una centrale di polizia non lontana da Montmartre e dalla basilica del Sacro Cuore, nella zona nord di Parigi; un uomo si è avvicinato al commissariato e stando alle prime notizie sarebbe stato armato di coltello; la polizia, vedendolo, ha aperto il fuoco e l’ha ucciso.

Non tutti, però, sono certi che il presunto aggressore fosse così pericoloso da poter allarmare a tal punto i poliziotti che lo hanno sparato: Charlotte, una testimone dell’accaduto, riferisce ai media :”Ero a pochi metri di distanza. Ho visto perfettamente quell’individuo avvicinarsi agli agenti schierati all’ingresso. Quelli gli hanno chiesto di indietreggiare e lui ha fatto due passi indietro, poi ha ricominciato a camminare verso di loro.

Aveva le mani alzate e nessun coltello. Ma la polizia ha aperto il fuoco uccidendolo con tre colpi”. Il portavoce del ministero dell’Interno afferma invece che l’uomo avesse un atteggiamento aggressivo, e che indossasse “un dispositivo che potrebbe essere una cintura esplosiva”;

le prime voci sono contrastanti tra di loro e si attendono conferme ufficiali in merito all’accaduto; per il momento, riferisce il ministro dell’Interno francese, è presto per parlare di un presunto terrorista ma bisogna essere comunque molto cauti; alcuni testimoni hanno riportato che l’uomo, avvicinandosi al commissariato, avesse gridato “Allah Akbar” (Allah è grande) e gli inquirenti affermano che avesse in tasca un disegno con la bandiera dell’Isis.