Borse ancora in positivo, l'effetto Draghi continuaAncora una giornata buona per le Borse che chiudono in positivo: l’effetto Draghi continua.

Dopo le dichiarazioni rassicuranti sulle banche che ieri ha rilasciato il Presidente della Bce Mario Draghi, le borse continuano il recupero già effettuato ieri.

Dopo il crollo dei primi venti giorni dell’inizio dell’anno, finalmente risparmiatori e investitori recuperano.

E’ stato il peggior inizio di gennaio che la storia borsistica ricordi. E questo a causa principalmente della coesistenza, non si sa quanto casuale, di tre fattori.

Il crollo delle borse cinesi, con un’economia che ormai da diversi mesi arranca, anche se le ultime previsioni non sono poi così negative.

La situazione non proprio florida delle banche europee, e segnatamente quelle italiane, a causa dell’esistenza di ingenti quantità di crediti deteriorati, cioè non recuperabili.

E infine, last but not least, il crollo del prezzo del greggio, i cui riflessi sulla finanza sono stati di portata gigantesca.

Intanto comunque oggi il petrolio è in recupero e si attesta sopra i 30 dollari al barile.

Ma i rialzi del mercato non ci sono stati solo in Europa. Bene sono andate Tokyo, Hong Kong e Singapore, oltre a Wall Street. Per le banche, dopo il clamoroso recupero di ieri, oggi Mps ha ceduto qualcosa.