Conto deposito: agli italiani piace risparmiare

Da sempre le banche propongono ai cittadini degli strumenti sicuri per ottenere i migliori tassi di interesse sui propri risparmi. Nel corso degli anni i nostri concittadini si sono dimostrati fedeli ai metodi di investimento più sicuri e meno rischiosi, come il classico conto deposito.

Le offerte sui conto deposito oggi disponibili sono particolarmente interessanti: tra le più gettonate quelle a zero spese e quelle che non pongono limiti eccessivamente pesanti.

Come funziona un conto deposito

Conti deposito, cosa sono? Un conto deposito è un particolare strumento finanziario che consente di ottenere degli interessi sui propri risparmi. In un periodo storico in cui i classici conti correnti non offrono alcun tipo di interesse si tratta di metodi di investimento sicuri e di facile accesso.

Per aprire un conto deposito in genere non serve avere un capitale minimo, virtualmente lo si potrebbe attivare anche con solo 100 euro. Il guadagno viene versato una volta all’anno, calcolando il periodo in cui il capitale posseduto dal cliente è rimasto fermo sul conto. Si tratta in pratica di dare in gestione il proprio denaro alla banca, che valuterà i migliori metodi di investimento in cui impiegarlo. Il guadagno a base annuale è di solito dichiarato quando si apre il conto e sicuro. Questo significa che, qualsiasi cosa accada, a fine anno si ottiene la cifra stabilita nel contratto di apertura del conto.

Vincolare o non vincolare

La maggior parte dei conti deposito consentono anche di aumentare il proprio guadagno. Un metodo classico consiste nello scegliere un conto vincolato, vale a dire vincolare il proprio capitale per un periodo di tempo che va dai 3-6 mesi, fino ad alcuni anni. Il cliente si impegna a non spostare in alcun modo i soldi presenti sul conto, a patto di ottenere un interesse maggiore, a volte ben più del doppio di quanto si guadagna con il capitale non vincolato.

Quale conto deposito scegliere? Molto dipende dalla singola offerta. Le proposte contrattuali si somigliano molto ma conviene sempre verificare con cura tutti i dettagli del contratto che si sta firmando. Ad esempio, alcuni istituti di credito a fronte di un interesse molto elevato sui conti vincolati costringono il cliente a pagare una penale nel caso in cui abbia la necessità di ritirare parte del capitale anzitempo. In altri casi invece rimuovere il capitale dal conto sortisce l’effetto di non percepire gli interessi maturati nei giorni precedenti.

E’ bene quindi procedere ad un attento confronto dei conti deposito, mettendo sul piatto della bilancia tutti i pro e contro di ogni singola offerta. Valutare accuratamente il tipo di contratto da scegliere è importantissimo, soprattutto quando sul conto deposito si versano tutti i risparmi di una famiglia.

redazione

I contenuti pubblicati dalla redazione di Italiaglobale.