Covid-19: gli ospedalizzati hanno carenze vitamina D

redazione

Oltre l’80 per cento di 200 pazienti ospedalizzati per il Covid-19 in Spagna, hanno carenza di vitamina D, secondo un nuovo studio pubblicato nel del Endocrine Society  Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism .

La vitamina D è un ormone prodotto dai reni che controlla la concentrazione di calcio nel sangue e ha un impatto sul sistema immunitario. La carenza di vitamina D è stata collegata a una serie di problemi di salute, sebbene la ricerca sia ancora in corso sul motivo per cui l’ormone influisce su altri sistemi del corpo. Molti studi sottolineano l’effetto benefico della vitamina D sul sistema immunitario, soprattutto per quanto riguarda la protezione contro le infezioni.

Covid-19 gli ospedalizzati hanno carenze vitamina D

Un approccio consiste nell’identificare e trattare la carenza di vitamina D, specialmente negli individui ad alto rischio come gli anziani, i pazienti con comorbidità e i residenti in case di cura, che sono la principale popolazione colpita dal COVID-19“, ha detto il coautore dello studio José L. Hernández, Ph.D., dell’Università della Cantabria a Santander, in Spagna. “Il trattamento con vitamina D dovrebbe essere raccomandato nei pazienti COVID-19 con bassi livelli di vitamina D circolanti nel sangue poiché questo approccio potrebbe avere effetti benefici sia sul sistema muscolo-scheletrico che sul sistema immunitario.

I ricercatori hanno scoperto che l’80% dei 216 pazienti COVID-19 presso l’Ospedale Universitario Marqués de Valdecilla aveva una carenza di vitamina D e gli uomini avevano livelli di vitamina D inferiori rispetto alle donne. I pazienti COVID-19 con livelli di vitamina D più bassi avevano anche livelli sierici aumentati di marcatori infiammatori come la ferritina e il D-dimero.

Next Post

Spedizioni nel Regno Unito e Brexit: quali prospettive?

Il Regno Unito, dopo un lungo periodo di tira e molla, è uscito ufficialmente dall’Unione Europea il 1° febbraio del 2020, anche se fino a fine 2020 non cambia nulla per i cittadini locali e stranieri e per le aziende. Da marzo a dicembre si applicano, dunque, le normative UE […]
Spedizioni nel Regno Unito e Brexit quali prospettive