Edilizia, continua la crisi del settore costruzioni

Eleonora Gitto

Edilizia, continua la crisi del settore costruzioni Il settore delle costruzioni purtroppo è ancora in crisi.

Prosegue il periodo nero dell’edilizia, il settore che più ha risentito e risente della crisi.

Pure a marzo la produzione, secondi i dati Istat, è in calo, e precisamente dello 0,4% su base annua e dello 0,7% su base mensile.

Addirittura la flessione complessiva del comparto costruzioni è stata del 33% dal 2010.

Vuol dire che si è perso un terzo della produzione in sei anni, un dato impressionante, che riverbera ovviamente anche sull’occupazione.

A fronte di tre anni consecutivi di calo notevole, nel 2015 pareva che ci fosse stata una stabilizzazione, con una frenata della produzione intorno all’1,7%.

In verità alcune ricerche promosse dallo stesso Istat e da Prometeia, parlano di una ripresa nel 2016.

Ma, visti i risultati dei primi mesi dell’anno decisamente non esaltanti, i dati potrebbero essere rivisti in termini peggiorativi.

Comunque la questione riguarda complessivamente non solo mattoni e cemento, ma di riflesso tutto l’indotto: pavimenti, vernici, collanti e così via.

Non solo, anche prodotti di idraulica, termoidraulica e rubinetteria. Tutti questi settori sono pesantemente in crisi.

E anche qui la crisi si riflette pesantemente sull’occupazione, dato estremamente preoccupante.

Next Post

Caso Fortuna Loffredo, le dichiarazioni shock di Augias

“Vergognoso quanto ha detto di mia figlia”, queste le dichiarazioni del papà di Fortuna Loffredo, la bambina violentata e uccisa a Caivano di Napoli. Intervistato da Giovanni Floris, Augias ha commentato sul caso: “In questa foto che questa povera madre mostra, mi ha fatto impressione il contrasto che c’è fra […]
Caso Fortuna Loffredo, le dichiarazioni vergognose di Augias