Emorragia cerebrale: Il rischio aumenta se si consuma alcol

redazione

Il consumo di alcol è strettamente legato al rischio di emorragia cerebrale, queste le conclusioni di una nuova tesi sviluppata dall’Università di Umeå.

Emorragia cerebrale Il rischio aumenta se si consuma alcol

Le persone che bevono quattro bicchieri o più di alcol al giorno hanno un rischio notevolmente maggiore di emorragia cerebrale rispetto a quelle che bevono poco o nulla.

Negli studi precedenti, le autovalutazioni tramite sondaggi o interviste sono state spesso utilizzate per mappare il bere. Non sempre fornisce un’immagine corretta, perché non tutti ricordano o vogliono dichiarare quanto hanno bevuto.

Le analisi del sangue rivelano il nostro consumo di alcol

Le “abitudini alcoliche” delle persone possono ora essere misurate nel sangue con indicatori che mostrano più del solo contenuto alcolico attuale. Nella sua tesi, Kristina Johansson, dottoranda presso l’Università di Umeå, analizza un biomarcatore nel sangue chiamato fosfatidiletanolo. È una sostanza che mostra approssimativamente la quantità di alcol che una persona ha bevuto nelle settimane precedenti il ​​prelievo del campione di sangue.

Utilizzando biomarcatori nel sangue, è possibile prevedere il rischio di emorragia cerebrale in modo più preciso rispetto ai metodi tradizionali. In questo modo è più facile trovare persone con un rischio particolarmente elevato di poter lavorare in modo preventivo“, afferma Kristina Johansson.

Quando i ricercatori hanno confrontato persone con un diverso consumo di alcol, hanno scoperto che con un consumo di alcol che corrisponde ad almeno quattro bicchieri standard di alcol al giorno, il rischio di emorragia cerebrale era cinque volte maggiore rispetto a chi non beveva affatto o solo un po’.

Sono ovviamente necessarie ulteriori ricerche prima di sapere se le persone con fosfatidiletanolo elevato possono influire sul rischio di emorragia cerebrale modificando il consumo di alcol. Ma è possibile affermare che le persone che bevono quattro bicchieri al giorno o più, hanno un rischio notevolmente maggiore di emorragia cerebrale.

Il biomarcatore fosfatidiletanolo è già utilizzato in alcuni centri sanitari in Europa come un modo per stimare il consumo di alcol, ma lo studio della tesi è uno dei primi a esaminare la connessione tra fosfatidiletanolo e il rischio di contrarre malattie in futuro.

La tesi ha studiato il sangue di persone che hanno partecipato all’indagine sulla salute di Västerbotten e allo studio Monica nella Svezia settentrionale durante il periodo 1985-2007. Durante le indagini, le persone hanno fornito campioni di sangue per ricerche future.

Da questi campioni, i ricercatori hanno analizzato i livelli di diversi biomarcatori diversi. I livelli sono stati poi confrontati tra le persone che durante il periodo hanno avuto un’emorragia cerebrale con un altro gruppo che non ha avuto un’emorragia cerebrale.

L’emorragia cerebrale si verifica quando un vaso sanguigno nel cervello si rompe. È una delle condizioni incluse nel termine collettivo ictus. Il secondo sono i coaguli di sangue. L’emorragia cerebrale è il tipo di ictus che ha il più alto tasso di mortalità.

Next Post

Morbo di Parkinson, il rischio aumenta con il colesterolo HDL

È stato dimostrato che il colesterolo dannoso delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) aumenta il rischio di sviluppare il morbo di Parkinson fino al 60%. Il team di ricerca multidisciplinare del Korea University Ansan Hospital ha esaminato il fattore di rischio di una lipoproteina ben nota come colesterolo buono, attraverso […]
Morbo di Parkinson rischio aumenta con il colesterolo HDL