Eni vende Versalis, chimica italiana a lutto

Eleonora Gitto

Eni vende Versalis, chimica italiana a luttoE’ confermato: Eni vende Versalis e qualcuno già parla di funerale di Stato per la chimica italiana.

E forse non ha tutti i torti, dal momento che l’acquirente potenziale sembra essere uno straniero.

Checché ne dica il ministro Federica Guidi, la quale afferma che è d’accordo che la chimica resti italiana e che il soggetto acquirente sia solido e affidabile, molti in realtà sanno che i rischi sono diversi.

E i primi a non essere favorevoli, ovviamente, sono i sindacati. I quali ultimi hanno confermato uno sciopero di otto ore per i lavoratori di Eni e Saipem, da svolgersi il prossimo 20 gennaio.

Per parte sua il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, parla di una scelta che non si condivide e pericolosa per il Paese.

L’acquirente potenziale dovrebbe essere Sk Capital, un fondo di investimento con sede a New York, con un capitale in gestione da un miliardo di dollari.

Questa è la situazione, anche se, a dire il vero, Eni stessa ha confermato di voler mantenere una quota importante in Versalis.

E i lavoratori? E le garanzie per l’occupazione? Forse i problemi veri verranno dopo.

Next Post

Corte UE, mail aziendale: sì a controlli e licenziamenti

Controllare le mail dei dipendenti e licenziarli se le usano per fini personali, è legittimo: così ha deciso la Corte di Strasburgo. La Corte europea dei diritti umani ha stabilito che le mail aziendali possono essere controllate dai datori di lavoro. Non solo, ma nel caso in cui un dipendente […]
Corte UE, mail aziendale sì a controlli e licenziamenti