Inps, Boeri: pensione a 75 anni per la classe 1980Per il Presidente dell’Inps Tito Boeri la classe 1980 potrebbe andare in pensione a 75 anni.

E’ uno degli effetti perversi della disoccupazione giovanile imperante, che mette in grave difficoltà le generazioni più giovani.

A dirlo è addirittura il Presidente Inps Tito Boeri, per il quale chi è nato dopo il 1980 andrebbe in pensione non a 70 anni, “ma due, tre, forse cinque anni dopo”. Incredibile.

Lo studio è stato fato proprio dall’Inps, prendendo a riferimento un universo di lavoratori dipendenti, ma anche artigiani. “Non voglio terrorizzare, prosegue Boeri, ma solo rendere consapevoli dell’importanza della continuità contributiva”.

Per queste ragioni il Presidente ha sollecitato nuovamente una riforma per rendere più flessibile l’età di uscita dal lavoro.

E ancora Boeri: “Dato il livello della disoccupazione giovanile e dato che rischiamo di avere intere generazioni perdute nel Paese, e dato che invece abbiamo bisogno di quel capitale umano, credo sia molto importante fare questa operazione in tempi stretti”.

“L’uscita flessibile è un tema che va affrontato non fra cinque anni ma, credo, adesso”. E se lo dice il numero uno dell’Inps, con qualche dato in più a sua disposizione, si può star certi che l’affermazione non è del tutto peregrina.