Italia: il Paese delle opere incompiute: bruciati quattro miliardiL’Italia è il Paese delle opere incompiute, per le quali vengono bruciati quattro miliardi.

Il Codacons fornisce alcune cifre, affermando che queste opere mai finite, e a volte mai iniziate, al 2014 sono ben 868, 173 in più rispetto all’anno precedente.

Questo equivale ad aver sprecato l’impressionante cifra di quattro miliardi di euro, che corrispondono a 166 euro per ogni famiglia.

E per finire le opere ci vorrebbero circa 1,4 miliardi di euro. Ma forse anche di più, visti i tempi di realizzazione in Italia. Queste le risultanze statistiche dell’Anagrafe delle opere compiuta proprio dal Codacons.

Il non invidiabile record lo ha la Sicilia con 215 opere rimaste appese, poi c’è la Calabria con 64, la Puglia con 59, la Lombardia con 35 e così via.

Lo scandalo degli scandali degli sprechi si trova a Roma, alla città dello sport di Tor Vergata, che è costata finora più di seicento milioni di euro.

Resta, del progetto, un’assurda Vela, la cosiddetta Vela di Calatrava, un monstrum cittadino che deturpa una parte importante della città.

Ma il sistema opere incompiute, in realtà riguarda un po’ tutte le regioni d’Italia, a significare una cultura degenerata, un modo di fare e di agire tutto italiano e difficile da estirpare.