Le aziende farmaceutiche difendono i brevetti dei loro vaccini

redazione

Le aziende farmaceutiche difendono i brevetti e non vogliono agevolare il trasferimento tecnologico, che a loro avviso non consentirà la produzione di una dose aggiuntiva di vaccini COVID-19, ma piuttosto potrebbe avere l’effetto opposto.

Le aziende farmaceutiche difendono i brevetti dei loro vaccini

I sostenitori di una sospensione temporanea dei diritti di proprietà intellettuale sostengono che sia il modo migliore per aumentare i siti di produzione e porre fine alle nette disparità nell’accesso ai vaccini, che consentono ai paesi ricchi di immunizzare un’ampia percentuale della loro popolazione, mentre per alcuni paesi poveri solo piccole dosi.

Venerdì, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha affermato che i vaccini sono un “bene pubblico”, poiché Pretoria e l’India sono dietro la proposta di sospendere i brevetti nell’Organizzazione mondiale del commercio e hanno il sostegno di molti paesi, organizzazioni non governative e personalità, ma la richiesta ha raggiunto un vicolo cieco.

Combattiamo insieme contro il nazionalismo dei vaccini e dimostriamo che la protezione della proprietà intellettuale non è a scapito della vita umana“, ha detto Ramaphosa durante un evento organizzato dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Più o meno nello stesso periodo, i rappresentanti delle aziende farmaceutiche di tutto il mondo stavano confermando ai media che questa non era la strada da seguire e ribadendo il loro impegno a produrre il maggior numero di vaccini possibile nel più breve tempo possibile.

Questo “non ci darà gli strumenti per produrre più dosi di vaccini“, ha detto Thomas Queenie, presidente della International Federation of Pharmaceutical Industries. Ha confermato che sono già stati conclusi 275 accordi di produzione tra aziende farmaceutiche, alcune delle quali concorrenti, per raggiungere l’obiettivo di produrre 10 miliardi di dosi entro la fine del 2021.

Tutti i produttori hanno sottolineato che il problema non era legato alla proprietà intellettuale, quanto piuttosto a barriere doganali o carenze di alcuni componenti e strumenti che potevano arrestare la produzione.

L’industria dei vaccini non è solo una questione di brevetti. È un settore molto complesso e i processi di produzione sono molto complicati. Questo per garantire sicurezza e qualità. Non vogliamo fare nulla che possa minare la fiducia nei vaccini“, ha detto Michelle McMurray-Heath, a capo della Biotechnology Innovation Organization che riunisce le aziende biotecnologiche.

Dobbiamo ammettere che ci sono solo pochi laboratori al mondo che hanno le competenze richieste e dobbiamo concentrare i nostri sforzi in modo che possiate ottenere gli ingredienti necessari per produrre il maggior numero di dosi il più rapidamente possibile“, ha aggiunto.

A volte qualcosa di semplice come la mancanza di sacchetti di plastica o filtri può impedire alle macchine di girare. A volte mancano i lipidi utilizzati per proteggere l’RNA messaggero utilizzato nei vaccini Pfizer-Bionic e Moderna.

I produttori affermano che più di un centinaio degli ingredienti utilizzati per fare i vaccini sono attualmente difficili da ottenere.

Next Post

Tutti chiedono al profeta Bill Gates: Quando finirà la pandemia?

Bill Gates, il fondatore di Microsoft, è entrato di diritto nella schiera dei “profeti” del 21esimo secolo con le sue dichiarazioni sull’epidemia di Covid-19 e sulla crisi climatica di recente. Facendo dichiarazioni sul decorso della pandemia di coronavirus, Gates ha azzardato una data per tornare alla normalità. Ricordiamo che Gates, […]
Tutti chiedono al profeta Bill Gates Quando finira la pandemia