Mafia, lo Stato chiede 2 milioni alla famiglia di Totò Riina
Mafia, lo Stato chiede 2 milioni alla famiglia di Totò Riina

Mantenere un detenuto in carcere non è certo uno scherzo per le casse dello stato e se aggiungiamo che le stesse carceri sono sovraffollate e vi spesso anche il doppio dei detenuti ordinariamente consentiti, si capisce quale sia l’effettivo esborso che ogni anno lo stato sia costretto a sobbarcarsi.

Ben venga, quindi, che l’erario provi a recuperare quanto speso, quando le famiglie dei detenuti possono fattivamente sostenere la permanenza in carcere del proprio congiunto.

In queste ore sta facendo però molto discutere la cifra chiesta al super boss della Mafia, Totò Riina: ai parenti del padrino corleonese di Cosa nostra, morto il 17 novembre 2017, è stata notificata da Riscossione Sicilia una cartella esattoriale di circa 2 milioni di euro per le spese sostenute per il mantenimento in carcere del capomafia.

Una cifra che può sembrare “esagerata”, ma ricordiamo che Riina, arrestato il 15 gennaio del 1993 dopo 23 anni di latitanza, ha trascorso in cella, al 41 bis, 24 anni.
Ad attivare la procedura di recupero del credito sarebbe stato, attraverso il ministero della Giustizia, il carcere di Parma, ultimo istituto penitenziario in cui il capomafia è stato detenuto.

Dal canto loro i familiari non ci stanno a pagare. “A noi sembra una boutade perché la legge esclude espressamente che il rimborso per le spese di mantenimento in carcere si estenda agli eredi del condannato. Perciò stiamo studiando bene la questione per vedere in che termini è”, ha commentato il legale dei Riina, l’avvocato Luca Cianferoni.

You May Also Like

Salvini, diritti Tv sul calcio: Renzi può ricattare Berlusconi

Per Salvini Matteo Renzi può ricattare Berlusconi sui diritti Tv nel calcio.…

Unioni Civili, arriva il sì definitivo della Camera

Finalmente approvata la legge sulle Unioni Civili con il sì definitivo della…

Sicilia, emergenza roghi: evacuate circa 100 persone

Decine di roghi in Sicilia, situazione d’emergenza: evacuate un centinaio di persone…